venerdì, Novembre 27, 2020
Home > Marche > Nel centro storico di Ascoli Piceno torna Pantofola d’Oro

Nel centro storico di Ascoli Piceno torna Pantofola d’Oro

ASCOLI PICENO – Pantofola d’oro, storico Brand delle più famose scarpe da calcio indossate dai migliori calciatori del mondo scelte per la loro comodità e artigianalità, aprirà ad Ascoli Piceno un negozio mono – marca oggi 14 dicembre alle ore 18.
Un negozio-museo che conserva e ricorda le origini risalenti al 1886 quando nella bottega del maestro Lazzarini, all’interno delle mura di Ascoli Piceno, venne prodotta la prima “scarpa d’oro”. Definita così dal fuoriclasse degli anni ’50 John Charles per la sua vestibilità morbida e confortevole. Da 130 anni Pantofola d’Oro è ambasciatrice di eccellenza italiana nel mondo e custodisce la tradizione recuperando alcuni materiali per la produzione, catalogando e scegliendo gli oggetti che hanno segnato nel tempo le fasi della propria attività salvaguardando, così, un patrimonio collettivo che dal Piceno è apprezzato in tutto il mondo.
Non solo calcio… Pantofola d’Oro vanta una vasta collezione di calzature per il tempo libero rigorosamente realizzate con pelle tagliata completamente a mano, caratteristica che garantisce l’unicità e il comfort della scarpa per coloro che la indossano.
Il nuovo negozio ripercorrerà le tappe di una storia imprenditoriale che si è espressa intorno agli anni ’50 quando i piedi dei calciatori più famosi del calcio italiano ed internazionale indossarono le comodissime “Pantofola d’Oro”. La scarpa da calcio è amata, tra i tanti, dal legendario calciatore Antonio Cabrini, il suo nome è legato alla Juventus squadra in cui ha militato per tredici anni e dove ha collezionato vittorie oltre ad essere stato Campione del Mondo in Spagna nel 1982. Cabrini ritenuto uno dei migliori terzini di tutti i tempi ha partecipato, di recente, ad un’iniziativa a Londra promossa proprio dalla Pantofola d’Oro.
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *