martedì, Ottobre 26, 2021
Home > Marche > Ascoli Piceno, causa maltempo rinviato l’incontro “I tesori della mente”

Ascoli Piceno, causa maltempo rinviato l’incontro “I tesori della mente”

Posticipata al 15 marzo la prima tappa del percorso guidato dagli esperti della Fondazione Paoletti

ASCOLI PICENO – A causa del maltempo, per consentire a tutti di partecipare con la massima sicurezza, l’incontro gratuito “I tesori della mente: da homo sapiens a homo verus” in programma oggi,  giovedì 1 marzo dalle 16.00 alle 19.30 presso il Palazzo dei Capitani di Ascoli Piceno, è stato rinviato a giovedì 15 marzo, stesso luogo stesso orario.

L’appuntamento è la prima tappa del percorso “Prefigurare il Futuro: metodi e tecniche per potenziare speranza e progettualità”, progetto itinerante della Fondazione Paoletti che da marzo a giugno interesserà diversi comuni delle Marche e dell’Umbria con incontri guidati da psicologi e neuroscienziati a supporto delle comunità colpite dal sisma.

Il calendario completo è disponibile su fondazionepatriziopaoletti.org/prefigurareilfuturo/.

Per iscriversi è sufficiente registrarsi sul sito e mandare un sms al 339 4831012 indicando nome, cognome e età.

Fondazione Patrizio Paoletti nasce ad Assisi nel 2000 per volontà di Patrizio Paoletti

Attiva nei campi della ricerca neuroscientifica, dell’educazione e della didattica, promuove il benessere sociale delle persone e in particolare dell’infanzia, poiché solo un’attenzione al processo educativo può produrre un innalzamento della qualità della vita, nell’interesse generale della società.

Fondazione Paoletti è ente morale non profit iscritto all’Anagrafe Nazionale delle Ricerche presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) ed è accreditato e qualificato per la formazione del personale della scuola italiana.Il suo team scientifico, in particolare, è specializzato nell’applicazione delle conoscenze pedagogiche al fine di gestire eventi avversi ed emergenze naturali.

Nel 2009 la Fondazione ha realizzato una serie di iniziative ad Ocre (L’Aquila) per sostenere gli abitanti delle zone colpite dal sisma. Nel 2010 ha attivato una missione ad Haiti, nel poverissimo quartiere Warf Jeremie di Port au Prince, per la realizzazione interventi post emergenza (riattivazione ambulatorio pediatrico e infrastrutture scolastiche crollate). Nel 2012 ha realizzato un intervento di supporto pedagogico alla genitorialità a seguito del terremoto in Emilia Romagna. L’equipe della Fondazione ha aiutato oltre 200 genitori a gestire al meglio con i loro figli il trauma del terremoto, attivando un numero verde e distribuendo oltre 4000 vedemecum; ha inoltre allestito una ludoteca presso il campo di S. Biagio realizzando, con i suoi counselor e pedagogisti, laboratori ludico-didattici e attività ricreative per i bambini.  Dal 2016 è attiva con interventi a supporto della popolazione vittima del terremoto in Centro Italia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net