mercoledì, Ottobre 27, 2021
Home > Abruzzo > Elezioni Pineto, Luca Di Pietrantonio e Gianni Assogna: “Tracollo del PD”

Elezioni Pineto, Luca Di Pietrantonio e Gianni Assogna: “Tracollo del PD”

“Nelle ultime elezioni politiche, i cittadini di Pineto hanno letteralmente sfiduciato l’amministrazione comunale (e non solo quella), consegnando al locale Partito Democratico il peggior risultato della sua storia”, esordiscono i consiglieri comunali di opposizione Luca Di Pietrantonio e Gianni Assogna.

“Terminato  – aggiungono – lo spoglio nelle 11 sezioni del nostro Comune, il PD, pur potendo annoverare tra le proprie fila un’intera amministrazione comunale, un consigliere provinciale ed uno regionale (peraltro, candidato alla Camera dei Deputati) ha conseguito un esiguo 14% al Senato (pari a 1.190 voti) e solo il 15% alla Camera (pari a 1.369 voti); dati ben al di sotto del già disastroso esito nazionale che ha relegato il PD al 19%.

E’ evidente che i cittadini, oltre bocciare le scelte politiche, nazionali e regionali, di Renzi e D’Alfonso, abbiano sonoramente bocciato anche l’amministrazione comunale di Pineto, la cui inefficienza è ormai da tempo sotto gli occhi di tutti.

Peraltro, la presenza tra i candidati alla Camera, di un consigliere regionale (sindaco di Pineto per ben due mandati), anzichè rivelarsi salvifica per i risultati del centro-sinistra, si è dimostrata una vera e propria zavorra per il PD, teramano e pinetese, che hanno riportato risultati a dir poco drammatici”.

E ancora: “E’ necessario che i nostri amministratori (e non solo loro) prendano atto di questa debacle e si rendano conto che l’85% dei cittadini di Pineto si è espresso in maniera decisamente contraria alla politica arrogante ed inoperosa, posta in essere dal PD locale, avendone avvertito le scelte come costantemente volte alla salvaguardia di interessi di partito e di bottega, con buona pace di quelli collettivi. Basti pensare, all’ultima iniziativa intrapresa dall’attuale maggioranza che ha ben pensato di ricostituire il direttivo della Pro loco, collocandovi membri e tesserati del PD e privando, così, d’imperio tutto il resto della cittadinanza della possibilità di essere contemplati e presi in considerazione”.

“Teniamo ad evidenziare  – concludono – l’ottima performance della coalizione di centro destra che anche a Pineto ha riportato risultati ragguardevoli, conseguendo (in coalizione) 2.516 voti alla Camera (pari al 30,11%) e 2.446 voti al Senato (pari al 31,75%), con un vero e proprio exploit della Lega di Salvini che i pinetesi hanno premiato con largo consenso.

E’ quindi evidente che i cittadini di Pineto, con il loro voto, si siano espressi, in maniera plebiscitaria contro l’amministrazione comunale che a questo punto, priva del consenso popolare, non può far altro che rassegnare le proprie dimissioni!”

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net