martedì, Ottobre 20, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Donne, libertà, sesso, tabù: al teatro a l’Avogaria di Venezia “Labbra”, lo spettacolo di Irene Lamponi

Donne, libertà, sesso, tabù: al teatro a l’Avogaria di Venezia “Labbra”, lo spettacolo di Irene Lamponi

Una pièce che coniuga impegno politico, satira e suggestioni oniriche in un crescendo dove le attrici non cercano una divisione tra giusto e sbagliato, tra buono e cattivo, tra morale ed amorale, ma solo le sottili sfumature del non detto


VENEZIA – Uno spettacolo che affronta in maniera divertente e spiazzante i tabù legati al sesso, al corpo e al rapporto con l’altro. Al Teatro a l’Avogaria di Venezia (Dorsoduro 1607, Corte Zappa), sabato prossimo, 28 aprile 2018, ore 21.00, va in scena “Labbra” di Irene Lamponi, autrice ed interprete insieme a Valeria Angelozzi.
 
La pièce riflette sul sesso, l’amore e la violenza nella società contemporanea partendo da una ottica femminile, soffermandosi sul tema della libertà nelle azioni quotidiane, o meglio su quanto si crede di essere liberi nelle proprie scelte. Lo spettacolo è diviso in tre parti autonome che raccontano altrettante situazioni differenti.
 
La prima vede due amiche nel bagno di casa tra depilazioni, mestruazioni, perversioni e paure mentre nella seconda sono le vagine a parlare, strizzate, sognatrici, agguerrite.
Nell’ultima invece, le due attrici diventano una sola voce che racconta del sesso come violenza e della strumentalizzazione della stampa rispetto a questi eventi.
 
Uno spettacolo che coniuga impegno politico, satira e suggestioni oniriche in un crescendo dove le attrici non cercano una divisione tra giusto e sbagliato, tra buono e cattivo, tra morale ed amorale, ma solo le sottili sfumature del non detto.
 
Irene Lamponi, veneziana classe 1986, diplomatasi alla scuola di recitazione del Teatro a l’Avogaria, lavora con il Teatro Stabile del Veneto, dedicandosi dal 2010 alla drammaturgia scrivendo testi rappresentati in Italia, Belgio, Olanda e Cina. Dal 2012 entra a far parte di “Crisi”, gruppo di scrittura guidato da Fausto Paravidino al Teatro Valle occupato. Con gli ultimi lavori inizia una collaborazione con il Teatro della Tosse che collabora alla produzione di “Labbra”.  
 
L’Associazione Teatro a l’Avogaria, nasce nel 1969 dalla passione e dalla tenacia di Giovanni Poli, già fondatore del Teatro Universitario Cà Foscari di Venezia, e dagli esordi si pone come laboratorio di ricerca che coniuga un metodo d’improvvisazione teatrale tra la Commedia dell’Arte e le Teorie dell’Avanguardia. In più di quarant’anni di attività ha prodotto oltre sessanta spettacoli tra cui la “Commedia degli Zanni” rappresentata con successo sui più importanti palcoscenici internazionali. Riconosciuta come uno dei centri di formazione professionale di riferimento nel Triveneto, ogni anno organizza corsi, dedicati ad appassionati e professionisti, su discipline quali recitazione, Commedia dell’Arte, dizione, storia del teatro, canto,tecnica dell’interpretazione.

Lo spettacolo, in programma alle ore 21, su prenotazione telefonica ai numeri ai numeri 0410991967-335372889 o via mail all’indirizzo avogaria@gmail.com. Info: http://www.teatro-avogaria.it/
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *