martedì, Aprile 20, 2021
Home > Marche > Trent’anni fa moriva Andrea Pazienza. Quando nel 1982 “sognò” la sua città natale

Trent’anni fa moriva Andrea Pazienza. Quando nel 1982 “sognò” la sua città natale

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Un talento irrepetibile”. Per Roberto Benigni questo era Andrea Pazienza, il geniale artista del fumetto nato a San Benedetto del Tronto il 23 maggio del 1956 e morto a Montepulciano il 16 giugno di trent’anni fa. Una mostra antologica «Andrea Pazienza, trent’anni senza», è organizzata da IRF! Festival e Napoli Comicon che ha da poco aperto i battenti al Mattatoio di Roma. L’evento ha messo insieme il corpus delle sue opere, tra cui 120 tavole originali. Grazie anche alla collaborazione stretta di Marina Comandini e Mariella Pazienza, moglie e sorella del disegnatore. La gamma di opere è vasta, compresi memorabilia, bozzetti, prove di layout, scritti, sketch tra cui 120 tavole originali. Che rapporto aveva Andrea con San Benedetto? Era nato in Riviera ma non ci era vissuto moltissimo, visto che suo padre era di San Severo e a 12 anni si trasferisce a Pescara e in seguito a Bologna. Nel 1982 Pazienza dedicò a San Benedetto, il «Sogno». C’è lui che parte in pattino alle 9 della mattina, si allontana dalla costa e vede la città come «una repubblica di palme e birilli». La vita tranquilla della comunità rivierasca appare al largo: l’acqua blu che «spettina i diti», altri mosconi, i pescherecci che vanno e vengono, la voce di una turista milanese che chiama il figlio. Nel sito www.andreapazienza.it  leggiamo un commento di sua cugina Barbara Di Cretico: “Quando veniva a trovarci a San Benedetto, per me era festa. Radioso, solare, caldo, il fratello maggiore che avrei voluto Ingordo. Almeno 3 piatti di spaghetti. E poi chiacchiere, racconti. Diceva spesso : Che meraviglia! Di tutto. Di un fiore piccolo, di una canzone di Battisti (non era ideologico). Aveva il suo credo e amava Patty Smith, era andato al concerto degli Area, ma ascoltava in auto di mio padre anche le cassette di Frank Sinatra. Sentivo che era speciale. Al mio matrimonio indossò una cravatta (!), ma su una camicia gialla da paura. E poi disegnò per tutti durante la cena. Generoso e sprecone. Lui era anche così, con gli orecchini di ciliegie”. San Benedetto ha dedicato a questo suo figlio illustre, la piazzetta dell’ex mercatino del pesce intitolandogliela. In passato alcune mostre delle sue opere e convegni. Secondo alcuni poco. In ogni caso, involontariamente e tragicamente in sintonia con quello che lasciò detto a suo padre: “Se mi dovesse succedere qualcosa, voglio solo un po’ di terra a San Severo, e un albero sopra”.

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *