mercoledì, Ottobre 20, 2021
Home > Abruzzo > Lettera aperta di Giovanni Cavallari a Gianguido D’Alberto

Lettera aperta di Giovanni Cavallari a Gianguido D’Alberto

LETTERA APERTA

“Caro Gianguido,

ritengo doverosa e necessaria a questo punto una mia risposta, data la tua non precisa e alquanto forviante ricostruzione dei fatti. Fermo restando il mio intento di lasciare liberi gli elettori da ogni condizionamento di voto, devo a me stesso, alle amiche e amici di Bella Teramo e ai teramani tutti una precisa spiegazione.
All’indomani del risultato elettorale che ti ha visto essere indicato come antagonista allo schieramento di Centro Destra, mi sarei aspettato di ricevere una tua chiamata che “realmente” mirasse a trovare un’ unione di intenti e una convergenza programmatica, lontana da qualsiasi interesse personale o partitico, pur rimanendo sempre nei limiti previsti dalla legge.
Come tu ben sicuramente sai (ma forse adesso fingi di non ricordare),

l ‘apparentamento tecnico” da te additato quale mezzo usato per il mero scambio di poltrone, in realtà è l’unico strumento previsto dalla legge che democraticamente permette di delineare in maniera precisa e nitida le reali linee programmatiche, le alleanze politiche ma soprattutto quei campi d’azione nei quali una coalizione innovativa può muoversi per superare il vecchio modus operandi che ha messo a dura prova la nostra Teramo.

Invece caro Gianguido da te direttamente, e tramite i contatti delle tue seconde linee che hanno provato ad avvicinare me o i miei candidati, sono arrivate esclusivamente proposte per accordi politici, quelli offensivi alla mia persona ma soprattutto verso tutti coloro che con il loro voto hanno deciso di appoggiare e sostenere un VERO progetto di cambiamento.

Rifiuto pertanto categoricamente anche le tue proposte, comprese quelle che mi vedevano futuro assessore al Comune di Teramo o membro di rilevo in Enti teramani.
Caro Gianguido, il percorso che ci ha visto crescere politicamente insieme nei lunghi anni d’opposizione dovrebbe averti insegnato che non sono il tipo di persona disposta a vendersi, che non sono l’ uomo che china la testa per assecondare i voleri di chi, da non molto lontano, decide ancora le sorti della mia amata Città!
Ed è per questo che, con l’assoluta correttezza e moralità che mi hanno sempre contraddistinto, rifiuto la tua proposta di compravendita e rivendico con convinzione l’intento di sedere tra i banchi dell’opposizione”.

Giovanni Cavallari