venerdì, Ottobre 22, 2021
Home > Marche > Pesaro, accusato di aver rubato le ciliegie al cognato: rischia da 3 a 6 anni di carcere

Pesaro, accusato di aver rubato le ciliegie al cognato: rischia da 3 a 6 anni di carcere

PESARO – Una storia che farebbe sorridere se non fosse per il fatto che è tristemente vera. Viene accusato dal cognato di avergli rubato delle ciliegie e finisce sotto processo. Ora rischia una condanna che va dai 3 ai 6 anni di carcere. Accade a Pesaro. Sull’uomo, un 55enne dell’entroterra pesarese, pende l’accusa di furto aggravato. La vicenda ricorda quella di un uomo residente in provincia di Lecce, che ha subito 9 anni di processo, per poi essere assolto in Cassazione, per il furto di una melanzana. Nel 2009 l’uomo venne trovato in un campo di melanzane dai carabinieri. Aveva lasciato la propria auto sul ciglio della strada con il portabagagli aperto. In appello era stato addirittura condannato a cinque mesi di reclusione per poi essere assolto in Cassazione. A Pesaro la storia vede come protagonisti l’uomo accusato del furto di ciliegie ed il cognato. All’origine del tutto dissapori di origine familiare aggravati dalla vicinanza logistica: le case sono praticamente confinanti. Il cognato si è costituito parte civile chiedendo un risarcimento danni compreso tra i 5mila ed i 10mila euro. La notizia è anticipata da Il Resto del Carlino.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net