domenica, Ottobre 25, 2020
Home > Marche > Porto San Giorgio, biologi e volontari all’opera diventano Sentinelle del mare

Porto San Giorgio, biologi e volontari all’opera diventano Sentinelle del mare

Sentinelle del mare è un progetto dell’Università di Bologna e Cofcommercio in cui i cittadini (bagnanti, snorkelisti e sub) sono i protagonisti della raccolta di dati sull’ambiente marino e la sua biodiversità. Oltre ad avere una rilevanza per il monitoraggio ambientale, ha significative ricadute su comunicazione, public engagement ed educazione. Un gruppo di bagnanti volontari è stato impegnato a Porto San Giorgio nell’azione di ricerca e di raccolta dati. Hanno iniziano la loro azione quotidiana negli stabilimenti balenari “Kursaal”, “Poldo e livia” e “Tropical”. Guidati da referenti e biologi trasferiscono successivamente il materiale ad analisti. I risultati della ricerca verranno in seguito portati a conoscenza di agenzie governative, gestori di aree marine protette e opinione pubblica. Lo scopo è valutare gli effetti del cambiamento climatico e dell’impatto umano diretto sulla salute del mare. “Il Comune di Porto San Giorgio ringrazia la Confcommercio Marche Centrali, a partire dalla referente territoriale Maria Teresa Scriboni, per la collaborazione e la volontà d’aver trasferito nella nostra città un piano di studio di rilevanza nazionale. Non da ultimi i gestori degli stabilimenti balneari e tutti coloro che volontariamente si sono adoperati per la riuscita dell’iniziativa”, rimarca l’assessore all’Ambiente Massimo Silvestrini.

Il progetto nel dettaglio

Sentinelle del mare, iniziato nel 2017 e presentato a Bruxelles a parlamentari e poi a Roma in una conferenza stampa, promette di sviluppare una rete capillare di monitoraggio della biodiversità costiera. Con una scheda di rilevamento appositamente progettata per un operatore non professionista, i turisti amanti del mare, saranno i protagonisti della raccolta dati. Rilevante è anche il significato educativo in termini di incremento della consapevolezza naturalistica dei cittadini. Numerosi studenti, tirocinanti UniBo, saranno ospitati dalle strutture Confcommercio, per fare attività sul campo di educazione ambientale e coinvolgimento dei cittadini.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *