martedì, Ottobre 26, 2021
Home > Abruzzo > Caso Agir, Pierannunzi (AzP): “Per Malafoglia non tutte le percentuali hanno lo stesso peso e valore”

Caso Agir, Pierannunzi (AzP): “Per Malafoglia non tutte le percentuali hanno lo stesso peso e valore”

< img src="https://www.la-notizia.net/azione" alt="azione"
  1. Teramo – “Le dichiarazioni di Michele Malafoglia che definisce inconsistenti i risultati elettorali di Azp a Teramo mi lasciano molto perplesso, soprattutto alla luce della perfomance di Fdl alle ultime Politiche dove, dati alla mano, ha raggiunto il 3,7% al Senato e circa il 4 % alla Camera. E dimenticando forse che il nostro è un Movimento nato solo un  anno fa  e del cui risultato a Teramo siamo estremamente orgogliosi e grati al territorio. Probabilmente per Malafoglia non tutti i voti e non tutte le percentuali hanno lo stesso peso e valore, trascurando il fatto che la volontà dei cittadini va sempre rispettata”. Così Paolo Pierannunzi, presidente del circolo teramano di Azione Politica, risponde alle dichiarazioni del coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia, Michele Malafoglia, con riferimento alla polemica sulla “spartizione” delle cariche degli organi direttivi dell’AGIR avvenuta tra FI, Fdi e centrosinistra.

“Quello che afferma Malafoglia” – continua Pierannunzi –  “ovvero che AzP abbia remato contro il centrodestra nelle ultime amministrative,  è una barzelletta. Il caso Teramo avrebbe dovuto servire da lezione per cementare la coalizione, cosa che pare non sia stata recepita. Riguardo l’Agir, risulta ancora più incomprensibile la sua presa di posizione, alla luce di nomine avvenute in maniera non democratica e l’obbligo di presentare una sola lista, cosa che non ha permesso a chi dissentiva di esprimersi in merito.

Questo provvedimento, al di là della formulazione presentata da Di Dalmazio nel 2013, poteva e doveva essere migliorato nella prossima legislatura: così congeniato l’Agir assumerà i contorni di un carrozzone che priverà i Comuni di molte funzioni, tra cui la scelta delle tariffe. Tariffe che graveranno  su famiglie e cittadini,  escludendo  processi virtuosi derivanti dai rapporti diretti con le amministrazioni. Il tutto per pagare le inefficienze dei centri più grandi, dando un altro pesante colpo in una situazione generale già gravosa di per sé.

Cito un suo stralcio:.. “definizione di scelta oculata di quasi totale unità” . Si parla di unità, di coesione della coalizione e di difesa delle scelte intraprese: forse Malafoglia  è stato distratto da altro, non cogliendo le dichiarazioni di AzP e della Lega il cui Presidente regionale ha persino annunciato la non partecipazione ai prossimi tavoli di coalizione del centrodestra” – conclude Pierannunzi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net