domenica, Ottobre 24, 2021
Home > Abruzzo > Nuova seduta sul Piano di Assetto Naturalistico della Riserva dannunziana

Nuova seduta sul Piano di Assetto Naturalistico della Riserva dannunziana

Perfetto, Marchegiani e Blasioli: “Sì ad un approfondimento per l’approvazione in Consiglio entro metà settembre”.Si è riunita stamane la commissione Ambiente presieduta dal consigliere Fabrizio Perfetto per l’esame del Piano di assetto naturalistico della riserva Dannunziana. Alla seduta hanno partecipato il vicesindaco e assessore al Verde Antonio Blasioli (in vece dell’assessore Paola Marchegiani impossibilitata per motivi di salute) e il dirigente Giuliano Rossi e le associazioni ambientaliste cittadine.  

Il presidente della Commissione Fabrizio Perfetto precisa che la seduta è stata: “ voluta per illustrare e condividere i contenuti del Pan, con l’auspicio che nel più breve tempo possibile possa approdare in Consiglio Comunale. Il PAN-Piano di Assetto Naturalistico è un vero e proprio piccolo piano regolatore della Riserva, che servirà a garantire una maggiore tutela della bio-diversità tipica locale. L’iter che porta alla discussione in Consiglio è così iniziato e prevede un ampio confronto, abbiamo recepito la necessità di un approfondimento su alcuni aspetti che le associazioni ci hanno manifestato, ma è stato forte il senso di condivisione sull’esigenza di stringere i tempi proprio perché il piano è ormai atteso da troppo tempo, per  questo prevediamo che la sua approvazione in Consiglio possa avvenire nella prima metà di settembre, in modo che possa poi continuare altrettanto rapidamente il suo percorso fino all’attuazione. E’ un atto fondamentale per tutelare quello che non è affatto un parco, ma una fra le poche riserve naturali italiane ospitate nel cuore di una città, quindi un patrimonio doppiamente importante. Per la redazione del documento l’Amministrazione si è avvalsa nell’arco degli anni del contributo di studiosi e ambientalisti stimati a livello nazionale. Un lavoro dettagliato e completo in ogni suo aspetto, lo scopo è quello di promuovere un’area in cui flora e fauna siano massimamente tutelate, un’area che a differenza di altre riserve naturali non sia chiusa, anzi faccia della sua fruibilità sostenibile il punto di forza per garantire la salvaguardia delle specie floreali e faunistiche autoctone attraverso la diffusione nella cittadinanza di profondo rispetto verso l’ambiente.”

L’istituzione della Riserva, con legge regionale 18 maggio del 2000, grazie all’iniziativa coraggiosa e lungimirante di Gianni Melilla all’epoca consigliere regionale, è stato un passo fondamentale per la sua salvezza” – così l’assessore alla Riserva dannunziana Paola Marchegiani -continua– “il Comune ne ha assunto la competenza con legge 9 aprile 2001 e nel 2009 c’è stata la prima elaborazione del Piano di Assetto Naturalistico, ferma al lavoro che avevamo iniziato con la giunta D’Alfonso. Ora quel lavoro è stato compiuto, contiene il contributo di studiosi, oltre che tecnici e deve essere recepito perché produca i suoi effetti di tutela e sviluppo della Riserva, capaci di affermarne la natura, che non è quella di una zona chiusa dove nulla è consentito, ma nemmeno quella di un parco, cioè un’area dove tutto è possibile: per la riserva si devono seguire dei particolari disciplinari nelle azioni di gestione e manutenzione del suo verde, ponendo le basi per una maggiore fruibilità e conoscenza del suo immenso valore. Per questa ragione ho intenzione di acconsentire alla richiesta delle associazioni che sono state oggi ascoltate in Commissione. Sono pienamente disponibile a migliorare la stesura, se perverranno contributi migliorativi, accogliendo il confronto con le associazioni, delle quali condivido l’esigenza di arrivare all’approvazione del PAN prima della scadenza della consiliatura in modo da procedere alla nomina del Comitato di gestione della riserva, che possa avere un PAN approvato”.

La Redazione,