giovedì, Gennaio 28, 2021
Home > Marche > Raccolta differenziata, San Benedetto e Grottammare sotto il 65%. Male anche Ascoli sotto il 50%

Raccolta differenziata, San Benedetto e Grottammare sotto il 65%. Male anche Ascoli sotto il 50%

< img src="https://www.la-notizia.net/bellante" alt="bellante"

Ascoli Piceno – Nel Piceno la raccolta differenziata si ferma al 60,06% nel 2017. Nella regione invece la raccolta va oltre anche se di poco il 65% la cifra minima per essere considerati virtuosi in questo campo. In regione si è raggiunto infatti il 65,56% con un più 0,14%. Ma tornando alla provincia di Ascoli Piceno sono 16 su 33 i comuni virtuosi. Al primo posto, come già da alcuni anni troviamo Folignano con l’81,76%. Alte le percentuali di Cossignano (79,06%), Colli del Tronto (78,05%) e Monteprandone (73,67%). Ma in questi dati forniti dalla regione Marche, salta subito all’occhio che a differenza del 2016, le percentuali di San Benedetto e Grottammare scendono entrambe sotto il 65%. A San Benedetto la raccolta si ferma al 61,19% per ogni abitante contro il 68,40% dell’anno precedente. A Grottammare dove si rileva il 64,25%, c’è una differenza negativa seppur minima con il 65,21 dell’anno prima. Per quanto riguarda Ascoli la percentuale di differenziata è sempre bassa con il 47,30% in leggero aumento rispetto al 46,65 precedente. I comuni meno ricicloni risultanti dalle tabelle regionali sono Palmiano (10,88%)  Montegallo (19,23) Acquasanta Terme (23,57%) e Arquata del Tronto (34,13%). E’ chiaro che in questi casi, le conseguenze ancora in atto del sisma determinano questi tipi di risultati. Qualche altra curiosità: sulla costa Picena, unico risultato virtuoso quello di Cupra Marittima, con il 66,15% mentre Spinetoli e Monsampolo del Tronto rispettivamente con il 72,77% e 68,97% completano un trend eccellente di tutta la Vallata del Tronto che si interrompe a Castel di Lama dove la raccolta arriva al 48,04%.

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *