lunedì, Gennaio 25, 2021
Home > Abruzzo > Di Stefano: “Il governo D’Alfonso ha beffato e danneggiato due volte l’Abruzzo”

Di Stefano: “Il governo D’Alfonso ha beffato e danneggiato due volte l’Abruzzo”

< img src="https://www.la-notizia.net/sulmona" alt="sulmona"

“Il governo D’Alfonso ha beffato e danneggiato due volte l’Abruzzo sui fondi comunitari e Masterplan”. 

Così Fabrizio Di Stefano nel corso della  conferenza stampa a Pescara dal titolo “Fondi Europei – Masterplan: L’Incompetenza crea danno”.

“Se oggi il governo nazionale ha utilizzato provvisoriamente per cassa €200 milioni destinati all’Abruzzo –  e che tuttavia ci verranno restituiti – ciò è dipeso dal fatto che D’Alfonso e la sua Giunta non hanno mai realmente impegnato quella somma su progetti concreti e pronti ad essere realizzati; peraltro – dice ancora Di Stefano – a fronte della priorità rappresentata dalla messa in sicurezza di ponti e strade sono assolutamente d’accordo sulla necessità a questo punto di un intervento immediato a favore delle nostre popolazioni”.

“Ma la seconda beffa, anzi il danno reale – prosegue Fabrizio Di Stefano – è quello di cui nessuno fino ad oggi ha parlato. Mi riferisco – dice ancora in conferenza stampa l’esponente politico – al fatto che nel 2014, per ammortizzatori economici a favore dello sviluppo di alcune regioni meridionali in uscita dall’Obiettivo 1, il Governo nazionale su spinta della Giunta Chiodi nelle sue ultime settimane di legislatura, stanziò altri €200milioni a fondo perduto per l’Abruzzo; quella somma però, che la Giunta D’Alfonso avrebbe dovuto richiedere, rivendicare e incassare da parte del Governo Renzi, non è mai stata portata nelle nostre casse, non so se per incompetenza o disinteresse. Fatto sta che tale enorme cifra da investire in Abruzzo è ancora persa nel porto delle nebbie romane e di questo qualcuno dovrà rispondere politicamente agli abruzzesi. Da parte mia – conclude quindi Fabrizio Di Stefano – posso però garantire che il nuovo governo dell’Abruzzo in carica dall’11 febbraio assumerà la battaglia per la restituzione di quella somma come priorità assoluta nei confronti del governo nazionale”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *