martedì, Aprile 13, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Piero Rotella, l’artista dei preziosi incastri di forme levigate, torna a scolpire

Piero Rotella, l’artista dei preziosi incastri di forme levigate, torna a scolpire

< img src="https://www.la-notizia.net/piero-rotella" alt="piero rotella"

Milano – Piero Rotella, l’artista dei preziosi incastri di forme levigate e discepolo del Maestro Andrea Cascella, torna a scolpire la materia per comunicare emozioni.

La materia da lavorare con amorevole forza, scolpendo e concependo forme che nascono dal pensiero geniale dell’artista che si esprime per realizzare, attraverso un’inesauribile varietà, una scultura che chiede di essere raggiunta, afferrata nel suo significato più intimo e diverso per ognuno.

I materiali preferiti per le sue sculture sono i marmi e i graniti; i disegni e la realizzazione delle forme in gesso rappresentano le fasi di preparazione del complesso della sua scultura, composta da preziosi incastri di forme levigate, armoniose aggregazioni di materia che ci fanno entrare in un mondo magico.

Le sue sculture non rappresentano mai la realtà, ma i sentimenti, le emozioni, le passioni e la fantasia d’interpretare le sue opere come fossero nostre.

É questa l’arte di Piero Rotella: nato a Motta di Costigliole d’Asti nel 1958, frequenta il liceo artistico e l’Accademia di Belle Arti di Brera dove conosce il maestro Andrea Cascella che gli fa scoprire il grande amore per la scultura.

Lavora fianco a fianco con il grande maestro e, guidato dell’assistente Giuseppe Anelli, collabora alla realizzazione di grandi opere.

Vive esperienze artistiche a livello mondiale, per il piacere e la voglia di sapere, di conoscere, di vivere.

Da poco rientrato in Italia, ha ripreso la sua attività di scultore e viene definito come un dinamico, versatile e talentuoso tra i nuovi scultori che si stanno affermando nel nostro Paese.

Tra le sue opere principali ricordiamo quelle intitolate: Totem, L’Occhio, I Giochi Infantili, Il Pomo, I Gemelli e Montecarlo.

Le dimensioni delle opere variano a seconda del contesto in cui vengono inserite: potrebbe essere la piazza di una città, quindi un monumento o una fontana, così come una scultura all’interno della hall di un hotel o un soprammobile in un appartamento.

Le sue opere sono visionabili nel suo laboratorio, previo appuntamento.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *