mercoledì, Dicembre 8, 2021
Home > Abruzzo > Montorio Avanti insieme: “Risposte poco chiare sull’utilizzo dei fondi pubblici”

Montorio Avanti insieme: “Risposte poco chiare sull’utilizzo dei fondi pubblici”

< img src="https://www.la-notizia.net/montorio" alt="montorio"

I Consiglieri Comunali di “Montorio Avanti Insieme”, Andrea Guizzetti e Paolo Sacchini, ribattono alla risposta del Sindaco di Montorio sul tema dei lavori per la manutenzione delle strade comunali, sul decoro urbano e dei fondi a disposizione da diversi mesi non ancora utilizzati. Inoltre fanno notare di non aver avuto risposta in merito ai lavori di manutenzione e decoro già effettuati, alcuni da qualche mese, e di cui non si trovano tracce di atti che ne attestino l’affidamento, l’impegno di spesa e la copertura finanziaria, con la preoccupazione che si stiano generando debiti fuori bilancio.

Apprendiamo con preoccupazione della risposta, che definiamo una “non risposta” del Sindaco Facciolini sulla questione della manutenzione delle strade comunali – dichiarano i due Consiglieri di “Montorio Avanti Insieme” prendiamo atto che per tutta la stagione autunnale e invernale le strade comunali dissestate rimarranno cosi come sono attualmente, con la probabilità elevata che peggioreranno, mentre nel frattempo ingenti risorse disponibili rimarranno nel cassetto e i cittadini dovranno stare attenti ad evitare le buche. Abbiamo inoltre effettuato un sopralluogo in via Quirino Celli, unica via asfaltata, e non comprendiamo il motivo di tale decisione e a vantaggio di chi è stata presa visto che è stato escluso proprio il pezzo di strada di accesso al poliambulatorio, da dove fra l’altro escono le ambulanze della postazione di emergenza del 118”.

E ancora: “Prendiamo atto che invece sulla richiesta di chiarimenti dei diversi interventi di manutenzione, che oltre ad essere stati eseguiti senza una logica programmatica, non troviamo atti che ne attestino l’affidamento, il Sindaco non ha dato alcuna risposta – continuano Andrea Guizzetti e Paolo Sacchini – e tutto ciò ci preoccupa molto perché questo modo di gestire la cosa pubblica porterà sicuramente il Comune a debiti fuori bilancio, che ricadranno sulle tasche dei cittadini, e metteranno in difficoltà gli operatori economici che difficilmente si vedranno pagati i lavori effettuati, se non con tempi molto più lunghi del solito.

Crea inquietudine la staticità dell’attuale Amministrazione dimostrata dal fatto che tutti i progetti sono fermi al palo, la ricostruzione oramai e completamente bloccata e non si hanno più notizie degli interventi strategici per il futuro di Montorio ereditati grazie al lavoro della passata amministrazione”.

Siamo molto preoccupati  – proseguono – per il nostro paese, ormai è tutto fermo e Facciolini e i suoi amministratori dovrebbero applicarsi un po’ di più, magari con maggiore presenza sul territorio e responsabilità, accettando anche i nostri suggerimenti” proseguono Andrea Guizzetti e Paolo Sacchini. “Purtroppo non si hanno più notizie della residenza assistenziale per anziani e malati di Alzheimer, del nuovo polo scolastico, della nuova scuola materna di Leognano, del nuovo centro per disabili di Collevecchio, della bonifica della discarica di Altavilla, di tutti gli interventi strategici finanziati e lasciati in eredità dalla passata amministrazione, per non parlare della ricostruzione pubblica, residenziale e privata che orami e completamente ferma e di cui l’Amministrazione neanche parla più. Infine ricordiamo al Sindaco che, per i loculi nei cimiteri, ha anche qui ereditato un progetto approvato, che lui stesso ha bloccato. Si preoccupi del suo paese e dei suoi cittadini, delle loro difficoltà, una su tutte l’autonoma sistemazione per i terremotati di nuovo a quattro mesi di ritardo nei pagamenti”.

Infine vorremmo sapere dal primo cittadino da quando il Comune di Montorio al Vomano si è dotato di un ufficio stampa – concludono i consiglieri di opposizione – sarebbe infatti cosa assai grave e contraria alla legge n. 150 del 2000 se il Sindaco Facciolini inviasse comunicati di suo pugno, da parte di un ente pubblico, senza questo importante strumento previsto dalla legge”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net