mercoledì, Gennaio 27, 2021
Home > Marche > Macerata ai Maceratesi: “Passeggiata o pagliacciata antifascista?”

Macerata ai Maceratesi: “Passeggiata o pagliacciata antifascista?”

Riceviamo e pubblichiamo: “Macerata ai Maceratesi prende posizione in merito alla sedicente passeggiata antifascista preannunciata per giovedì sera, organizzata dai soliti personaggi. Un’iniziativa dai toni decisamente anacronistici, rivolta sostanzialmente a un periodo storico terminato nel 1945, con dei connotati contraddittori, visto che molto probabilmente gli stessi “protagonisti” che andranno in giro per la città ad ammantare di democrazia e cianciare di libertà, magari appellandosi alla carta costituzionale, di cui si fanno formalmente e presuntamente garanti, saranno probabilmente i primi a tacciare di fascismo chi semplicemente non è allineato al loro “circo” politico.

Ci domandiamo concretamente qual è l’utilità sociale di questa manifestazione, se non quello di esacerbare ulteriormente gli animi e creare un clima di tensione montante di cui la città, soprattutto in questi tempi, non ha assolutamente bisogno. Nulla a che vedere con le nostre passeggiate per la sicurezza, particolarmente apprezzate dalla cittadinanza come deterrente contro la criminalità. Già lo scorso mese i “soliti ignoti” hanno imbrattato il portone del palazzo storico nel cui androne è ubicata la nostra sede.

A Febbraio nello stesso androne e approfittando nella nostra assenza sono stati rubati dei manifesti, alcuni dei quali di politico non avevano assolutamente niente. Siamo certi che i cittadini di Macerata diserteranno questa pagliacciata, promossa da chi, un po’ come un pesce fuori dall’acqua che si agita prima di morire, ha completamente perso il consenso popolare e si aggrappa disperatamente a fantasmi del passato per legittimare ancora la propria esistenza”.

Macerata ai Maceratesi

Fb Macerata ai Maceratesi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *