domenica, Ottobre 17, 2021
Home > Abruzzo > Le priorità della candidata di Fratelli d’Italia, Monica Brandiferri, elencate al Senatore Marsilio

Le priorità della candidata di Fratelli d’Italia, Monica Brandiferri, elencate al Senatore Marsilio

Martedì scorso il candidato alla presidenza della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, si è recato nel Comune di Torricella Sicura per presentare la candidata capolista di Fratelli d’Italia per la Provincia di Teramo alla Regione Abruzzo, Monica Brandiferri. All’incontro erano presenti per Fratelli d’Italia Giandonato Morra membro dell’esecutivo nazionale e la coordinatrice provinciale Marilena Rossi. La candidata ha rappresentato al Senatore Marsilio diverse problematiche relative al territorio montano straordinariamente bello, unico ma abbandonato a se stesso: lo spopolamento inarrestabile dei piccoli borghi, la mancanza di servizi essenziali, il completo abbandono della manutenzione stradale, un turismo che stenta a partire e la vicenda dei Prati di Tivo ne è la dimostrazione, del problema dell’acqua del Gran Sasso, bene pubblico di prima utilità, affinché si faccia finalmente chiarezza sull’effettiva potabilità. Il tema centrale è stato la ricostruzione. La candidata Brandiferri, terremotata, in autonoma sistemazione dal sisma del 2016, ha chiesto al Senatore, in nome di tutte le persone che stanno vivendo il suo stesso dramma di non essere lasciati soli. La ricostruzione deve avere la priorità assoluta da parte del futuro governo regionale come confermato dallo stesso Senatore Marsilio. A tal proposito la Candidata di Fratelli d’Italia, Monica Brandiferri, il sabato precedente aveva accompagnato l’Onorevole Paolo Trancassini nel suo Comune per fargli toccare con mano il dolore delle persone che hanno perso la propria casa per colpa del terremoto. La candidata Brandiferri, ha chiesto anche una maggiore attenzione, in funzione del ruolo di Consigliera di Parità della Provincia di Teramo alle politiche di genere, al lavoro femminile, alle fasce più deboli come anziani e bambini e maggiori risorse per i centri e associazioni antiviolenza presenti sul territorio regionale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net