martedì, Gennaio 19, 2021
Home > Marche > Ascoli Piceno, matrimonio rischia di finire in tragedia: una storia come tante

Ascoli Piceno, matrimonio rischia di finire in tragedia: una storia come tante

< img src="https://www.la-notizia.net/storia" alt="storia"

ASCOLI PICENO – Questa non e’ una storia di violenza fisica, ma che racconta dell’insidia che si pone nell’animo di una donna che si sposa con la convinzione di avere una vita serena insieme alla persona che ama e poi si trova di fronte ad una situazione molto diversa da quella che aveva ipotizzato e, sicuramente, sperato. La sudditanza psicologica spesso e’  pericolosa. E conduce su un sentiero irto di ostacoli. La differenza di “ceto sociale”, tra i membri della coppia,  sulla quale in casa non si tace, le urla. La distanza che si fa sempre piu’ evidente. Lei si da’ da fare in tutti i modi ma, vista anche l’eta’, non riesce a trovare altro se non lavori precari che non le danno sicurezza e che non riabilitano la sua “posizione” all’interno del nucleo familiare. E sono umiliazioni, dolori. Tutti i giorni. Di quelli di cui nessuno parla. Perche’ non c’e’ una denuncia, non ci sono aggressioni fisiche, se non violenti litigi che talvolta rischiano di degenerare. Raccontiamo questa storia perche’ non e’ una storia unica, ne’ tantomeno eccezionale. E’ forse una storia che si ripete in molti ambiti familiari. La donna si sente sempre peggio, comincia anche a non stare bene, ne’ in salute, ne’ psicologicamente. E, ad un certo punto, decide di chiedere aiuto a professionisti che possano darle una mano. Poi scopre che solo lei puo’ sollevarsi dallo stato che l’ha affondata, spingendola quasi sull’orlo della follia. Una umiliazione dietro l’altra, un dolore dietro l’altro. Senza che tutto questo sia giusto. Semplicemente accade. Poi prende una decisione. Quella di allontanarsi. Lasciando pero’ sempre la porta aperta. Una storia come tante, di una donna residente in provincia. Lei in piu’ occasioni pensa di non voler piu’ vivere, accarezza l’idea di svanire, in quanto in troppi occasioni la si e’ fatta sentire inutile, di troppo, senza valore. Poi, un giorno, si rialza. Riprende a lottare. E continua ad amare lo stesso uomo che, come spesso fanno le donne, perdona sempre anche se le fa male. Ma non gli permette piu’ di trattarla come un oggetto senza valore solo perche’ non proviene da una famiglia benestante. Molte non ce la fanno. Questa storia, come altre, ha rischiato in piu’ occasioni di finire in tragedia perche’ ci e’ stata raccontata. Fortunatamente il livello di guardia non e’ stato mai oltrepassato.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

 

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *