martedì, Ottobre 27, 2020
Home > Abruzzo > Dino Pepe chiede di scongiurare la chiusura del traforo del Gran Sasso

Dino Pepe chiede di scongiurare la chiusura del traforo del Gran Sasso

< img src="https://www.la-notizia.net/pepe" alt="pepe"

Nel corso dell’Assemblea dei Sindaci in Provincia di Teramo Dino Pepe ha chiesto a gran voce di scongiurare la chiusura del traforo del Gran Sasso

Il Consigliere e Vice Capogruppo Regionale del Pd ha auspicato una unità di intenti nel chiedere al Governo centrale le risorse per mettere in sicurezza il complesso sistema del Gran Sasso

Nel suo intervento in Provincia di Teramo, nel corso dell’Assemblea dei Sindaci convocata alla presenza di tutti i soggetti interessati per affrontare il delicato tema della paventata chiusura, a tempo indeterminato, del traforo del Gran Sasso da parte della Società “Strada dei Parchi”, per parlare della messa in sicurezza della falda acquifera del Gran Sasso e avere finalmente risposte concrete dal Governo centrale il Consigliere e Vice Capogruppo Regionale del Pd, Dino Pepe, ha posto fortemente l’accento sulla necessità di poter avere tempi e dati certi da comunicare a tutti i teramani che, ovviamente, vivono con preoccupazione questa vicenda.

Evitare la chiusura del traforo è una battaglia di tutti – ha esordito Pepe – chiediamo quindi un impegno forte e concreto ai nostri rappresentanti parlamentari e al governo regionale, al quale come minoranza siamo pronti a dare sostegno, affinché non si arrivi, il prossimo 19 maggio, alla chiusura del traforo del Gran Sasso: questa sarebbe un’autentica sciagura per un territorio che ha già dovuto fare i conti con il terremoto, con diverse calamità naturali e non solo, tutto questo per giunta alle porte della stagione turistica estiva dove potrebbe causare gravissimi danni ad un settore trainante per l’economia della nostra provincia”.

Sulla questione dell’acquifero la precedente Giunta ha fatto un’istruttoria importante, richiamata anche dall’attuale Giunta, che ci ha permesso di stabilire come occorrano circa 172 milioni di euro per mettere in sicurezza l’acquifero, per gli interventi sulla struttura, sulle acque e sui laboratori dell’Infn – ha proseguito il Consigliere e Vice Capogruppo Regionale del Pd – è evidente che il Governo debba mettere in campo queste risorse e noi tutti, comuni, Provincia, Regione e parlamentari abruzzesi dovremo chiederlo a gran voce. C’è la necessità di avere la certezza di questi fondi per mettere in sicurezza il complesso sistema del Gran Sasso”.

Pepe ha infine accolto con soddisfazione le parole del Presidente del Ruzzo sulla bontà delle nostre acque. “E’ giusto rassicurare i nostri concittadini su questo delicato e sentito tema, l’acqua è un bene fondamentale e proprio per questo ieri le forze del centrosinistra in Regione hanno chiesto un Consiglio straordinario su questo tema, e non solo, che interessa direttamente due provincie, Teramo e L’Aquila, ma riguarda tutta la comunità regionale. Ci aspettiamo, quanto prima, una discussione approfondita e seria su questa delicata tematica”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *