lunedì, Ottobre 18, 2021
Home > Italia > Ferragosto social per Salvini, Renzi, Di Maio: il consenso si rosicchia a colpi di post

Ferragosto social per Salvini, Renzi, Di Maio: il consenso si rosicchia a colpi di post

Come trascorrono il ferragosto Salvini, Renzi, Di Maio? Ovviamente sui social, perchè ogni giornata lasciata è una giornata persa. E, mai come ora, il consenso si rosicchia a colpi di post. “In un Paese civile – scrive Matteo Renzi sul proprio profilo Facebook –  quando si viene sconfitti in Parlamento ci si dimette. Le dimissioni sono un gesto difficile. Io ci sono passato, vi garantisco che fa male. Ma quello che è giusto, è giusto. Matteo Salvini ha sfidato i parlamentari e il tabellone del Senato ha segnato la sua sconfitta. Ma Capitan Fracassa vuole tenersi stretta la poltrona. Per questo penso giusto che anche nelle ore di vacanza chi vuole mobilitarsi si mobiliti. Avevamo iniziato con i Comitati d’Azione Civile a raccogliere firme per le dimissioni di Salvini. Siamo quasi a quota 40.000. Riprendiamo e arriviamo entro il 20 agosto almeno a 50.000 firme. Il Viminale ha bisogno di un professionista della sicurezza, non di un seminatore d’odio. Lasciamo Salvini in Spiaggia e diamo un vero Ministro dell’Interno all’Italia”.

“La mozione di sfiducia a Matteo Salvini  – si legge su www.comitatiazionecivile.it – è stata messa in calendario per il 12 settembre. Si tratta di una decisione assurda: avremmo dovuto votare prima, in presenza di un ministro dell’Interno che alimenta l’odio, il rancore, la tensione, la caccia al diverso, gli insulti ai giornalisti. Lo scandalo dei 49 milioni di euro sottratti agli italiani e impiegati in modo opaco, le strane connessioni di dirigenti leghisti con funzionari russi e il sequestro in alto mare di profughi e richiedenti asilo dimostrano una volta di più che Matteo Salvini non è adeguato al ruolo di garante della sicurezza dei cittadini italiani. Per questo, da qui al 12 settembre, vogliamo mobilitare le donne e gli uomini di buona volontà che hanno a cuore le sorti della comunità italiana e che non si rassegnano e non demordono. Chiediamo tutti insieme le dimissioni di Matteo Salvini. Facciamolo ad alta voce e senza paura: mai come in questo momento è necessario far sentire la voce di chi si oppone a un modello culturale di odio e violenza verbale.  Petizione proposta da Matteo Renzi”.

Nel frattempo il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, è alle prese con la questione Open Arms. “Il Ministro della DIFESA  – scrive su Facebook – non ha firmato il divieto di sbarco. Umanità non significa aiutare trafficanti e Ong. È grazie a questo presunto concetto di “umanità” che negli anni dei governi Pd l’Italia è diventata il campo profughi  d’Europa.Per me umanità significa investire seriamente in Africa, non certo aprire i porti italiani”.

E Luigi Di Maio? Poco fa ha affidato a Facebook il proprio pensiero, facendo gli auguri per un buon ferragosto al popolo italiano:

“Spero vi stiate riposando un po’ insieme alle persone a cui volete bene. Volevo dirvi che per quanto il Governo sia piombato in questa assurda crisi, vi prometto che fino all’ultimo giorno in cui sarò Ministro della Repubblica vi starò vicino e proverò ad aiutare le migliaia di italiani che mi chiedono sostegno.
Sebbene il Governo sia paralizzato, in questi giorni sto provando con tutte le mie forze a portare a casa l’ultimo decreto legge: è il decreto che dà i diritti ai giovani riders, che ferma la chiusura dello stabilimento Whirlpool di Napoli, che sostiene il costo dell’energia per l’ex-Alcoa in Sardegna, che bandisce un concorso per migliaia di giovani italiani come funzionari dell’Inps, che potenzia l’unità di crisi che si occupa delle aziende in difficoltà, che sostiene il lavoro a Taranto.
Questo decreto è stato approvato nell’ultimo Consiglio dei Ministri “salvo-intese”: questa espressione significa che, prima dell’approvazione definitiva, manca il consenso di alcuni Ministeri leghisti.

La crisi di Governo purtroppo ha bloccato tutto e come vedete colpisce soprattutto persone che non c’entrano nulla.
Vorrei dire alla Lega: avete deciso di staccare la spina al Governo a ferragosto, nessuno vi ha capito, ma ormai lo avete fatto. Adesso però non prendetevela con i giovani riders, non fate pagare il prezzo delle vostre scelte agli operai dell’Ilva di Taranto o ai giovani concorsisti dell’Inps. Non tenete in ostaggio queste persone! 
Un abbraccio a tutti, buon ferragosto”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net