sabato, Maggio 8, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “Salisburgo secondo Hinterhäuser” del 22 agosto in seconda serata su RAI 5: un artista e il suo Festival

Anticipazioni per “Salisburgo secondo Hinterhäuser” del 22 agosto in seconda serata su RAI 5: un artista e il suo Festival

Anticipazioni per “Salisburgo secondo Hinterhäuser” del 22 agosto alle 22.50 su RAI 5: un artista e il suo Festival
(none)
Markus Hinterhäuser, pianista contemporaneo ora direttore artistico del Festival di Salisburgo, illustra la sua visione nella gestione del più classico dei festival, nel documentario “Salisburgo secondo Hinterhäuser” in onda giovedì 22 agosto alle 22.50 su Rai5.
Hinterhäuser ama il dialogo con il pubblico e gli artisti, compresi i giornalisti. Come “testimone di coscienza” cita il grande compositore veneziano Luigi Nono, al quale ha dedicato leggendarie performance negli anni ’90, quando ha diretto al Festival lo “Zeitfluss” di Salisburgo: “Svegliare l’orecchio, gli occhi, il pensiero umano, l’intelligenza”.
Poco prima dell’inizio del Festival, Hinterhäuser riceve il premio Mortier per il teatro musicale, assegnato dalla rivista Opernwelt in memoria del leggendario Direttore di Salisburgo Gérard Mortier, méntore di Hinterhäuser. Il regista americano Peter Sellars ne darà una “laudatio”. Apre il Festival con l’opera di riconciliazione di Mozart “La Clemenza di Tito”, con Teodor Currentzis sul podio. Il programma di Hinterhäuser con dieci opere, 79 concerti e cinque rappresentazioni teatrali ha un centro tematico: riflettere sulle strategie di potere, con nuove produzioni di artisti che mettono in risalto le grandi opere in modo insolito ed emozionante.
Tra questi l’artista sudafricano William Kentridge, che interpreta l’opera di Berg Wozzeck, o l’iraniana Shirin Neshat, che debutta con l’Aida di Verdi, con Anna Netrebko nel ruolo di protagonista. Markus Hinterhäuser, passeggiando per i vicoli di Salisburgo, racconta come le idee si siano condensate nel programma in “conversazioni controverse e stimolanti”.
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *