giovedì, Giugno 4, 2020
Home > Lazio > Ostia, Davide Bordoni (Forza Italia): “Mense scolastiche a rischio, se ne occupi la Commissione Scuola”

Ostia, Davide Bordoni (Forza Italia): “Mense scolastiche a rischio, se ne occupi la Commissione Scuola”

commercio

Così Davide Bordoni coordinatore romano di Forza Italia e capogruppo in Assemblea Capitolina, in una nota ufficiale: “Molti piccoli studenti di Ostia al rientro delle vacanze rischiano di non trovare più il servizio di refezione scolastica. La denuncia parte dai sindacati che nei plessi scolastici di Via delle Azzorre, Largo delle Marianne e Via dell’Idroscalo contestano la decisione della Dirigente Scolastica di sospendere la mensa autogestita a causa di forte indebitamento. Trenta lavoratori a rischio e un migliaio di bambini abbonati a se stessi.

Non è possibile che centina di famiglie debbano affrontare una simile situazione in concomitanza della riapertura delle scuole. I bambini hanno diverse esigenze, prima tra tutte il diritto ad una sana e corretta alimentazione. Il X Municipio ancora una volta non può essere terra di nessuno. Il Miur con il neo ministro Fioramonti e il Comune di Roma si interessino della sorte degli Istituti Parrini, Acqua Rossa e Amendola Gattuso. Le scuole sono la base della società a cui bisogna sempre guardare con ottimismo e idea di sviluppo. Presenterò subito una interrogazione e chiederò la convocazione della Commissione Scuola del Campidoglio. La decrescita (in)felice per i nostri ragazzi non è ammessa”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *