martedì, Novembre 24, 2020
Home > Senza Categoria > Il film in seconda serata consigliato in TV: “UN MATRIMONIO ALL’INGLESE” giovedì 10 ottobre 2019

Il film in seconda serata consigliato in TV: “UN MATRIMONIO ALL’INGLESE” giovedì 10 ottobre 2019

Il film in seconda serata consigliato in TV: “UN MATRIMONIO ALL’INGLESE” giovedì 10 ottobre 2019 alle 23.10 su RAI MOVIE Un matrimonio all inglese.png Un matrimonio all’inglese (Easy Virtue) è un film del 2008 di Stephan Elliott, interpretato da Jessica BielColin FirthKristin Scott Thomas e Ben Barnes. La pellicola, la prima della Biel in un ruolo da protagonista, è basata sulla piéce teatrale Virtù facile di Noël Coward del 1924, già portata sul grande schermo da Alfred Hitchcock nell’omonimo film muto del 1928, ma con diverso sviluppo. Il film, presentato a vari festival cinematografici (tra cui il Toronto Film Festival, il London Film Festival e il Festival Internazionale del Film di Roma), è stato distribuito nelle sale italiane dalla Eagle Pictures il 9 gennaio 2009. 1930. Larita Huntington è una giovane e bella ragazza di Detroit, vedova, decisamente aperta ed emancipata per la sua epoca: è una pilota automobilistica, diventata famosa per aver vinto il Gran Premio di Monaco battendo i suoi colleghi maschi. Contemporaneamente, John Whittaker, giovane rampollo di una nobile famiglia inglese, si trova in vacanza in Costa Azzurra. I due si incontrano, s’innamorano e subito si sposano, all’insaputa della rigida e tradizionalista famiglia del ragazzo. Quando i due neosposi arrivano in Inghilterra, nella lussuosa villa di campagna degli Whittaker, perché Larita conosca la famiglia di John, la ragazza si scontra subito con la suocera Veronica, che mal sopporta la sua esuberanza, le sue origini americane e, soprattutto, il fatto che in passato sia già stata sposata. Anche le sorelle “zitelle” di John, Hilda e Marion, non sembrano entusiaste di Larita, mentre la ragazza trova inaspettatamente il sostegno del suocero, Jim, un uomo che dopo la brutale esperienza della Grande Guerra ora disprezza il conformismo della moglie e dei loro amici altolocati, nonché del simpatico maggiordomo Furber. Larita vorrebbe restare solo qualche giorno e poi trasferirsi definitivamente con John a Londra, ma il marito la convince a rimanere per qualche tempo insieme alla sua famiglia. Con il passare delle settimane, la convivenza con gli Whittaker si fa sempre più complicata per Larita, con la suocera e le figlie che non perdono occasione per screditarla e con la stessa ragazza che sembra fare di tutto per non farsi amare. Questo “scontro” si acuisce col tempo, complice il fatto che John scopre dalla madre che la famiglia è sull’orlo del fallimento economico: a questo punto il ragazzo vorrebbe restare per aiutare i suoi, contro il volere di Larita, che invece è sempre più insofferente verso Veronica.
«Lei è come l’annegamento: piacevole… quando smetti di dimenarti.»
(Sarah riferita a Veronica)
La situazione degenera quando Hilda scopre uno scomodo segreto del passato di Larita: il suo primo marito, che l’ha lasciata presto vedova, non era morto di cancro come lei aveva detto, ma si era suicidato; anzi, in un primo momento la stessa consorte era stata accusata di omicidio per il fatto, salvo poi essere stata assolta. Questa rivelazione incrina definitivamente il rapporto con gli Whittaker, John compreso, spingendolo verso Sarah, un’amica d’infanzia da sempre benvoluta dalla madre. Durante il tradizionale ballo di fine anno offerto dalla famiglia alla comunità, John si rifiuta di ballare con sua moglie davanti a tutti gli ospiti e così la ragazza capisce che il loro amore è presto arrivato al capolinea. A salutarla alla sua partenza, Larita trova solo Sarah, che nonostante tutto non l’ha mai giudicata, e alla quale confida di sperare che riesca a rendere felice John, assieme a Furber, una delle poche persone felici del trambusto che la ragazza ha portato in casa. Prima di partire, John, ravveduto, cerca di farle cambiare idea, così Larita trova finalmente la forza di esprimere il suo malessere e di confessare che, a dispetto della versione ufficiale, fu davvero lei a uccidere il suo primo sposo, iniettandogli una dose fatale di veleno, giustificando ciò col fatto di averlo amato al punto da rifiutare di vederlo soffrire a causa del cancro. Ai suoi occhi, John non sa cosa voglia dire tenere a una persona sino al punto di fare qualsiasi cosa per lei, facendo intuire che anche il suo andarsene, ora, sia un estremo atto d’amore nei confronti dell’ormai ex marito. Così Larita lascia per sempre gli Whittaker, ma prima di partire accoglie un compagno di fuga inatteso, Jim, il quale dopo anni, proprio grazie alla ragazza, ha trovato la forza di abbandonare l’ormai insopportabile consorte. Regia di Stephan Elliott Con: Jessica Biel, Colin Firth, Kristin Scott Thomas e Ben Barnes Fonte: WIKIPEDIA
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *