sabato, Novembre 28, 2020
Home > Italia > “Non ti truccare, fatti brutta”. Aggredita dal marito, muore dopo 9 giorni di agonia

“Non ti truccare, fatti brutta”. Aggredita dal marito, muore dopo 9 giorni di agonia

< img src="https://www.la-notizia.net/marito" alt="mmarito"

ADRIA (ROVIGO) – La furia cieca si era scatenata al culmine dell’ennesima lite. Lui era sopraffatto dalla gelosia, non voleva che lei lo lasciasse. “Non devi parlare con altri uomini”, le diceva in precedenza tramite Whatsapp. “Non ti truccare, fatti brutta”. In una escalation fatta di litigi sempre più violenti, motivati dal fatto che i due si stavano separando e lui non lo accettava, l’ha aggredita. E lei è morta due giorni fa dopo 9 giorni di agonia in ospedale.

Giulia Lazzari, 23 anni appena, era stata ricoverata nel reparto di Terapia intensiva all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Rovigo, in coma farmacologico. Il marito Roberto Lo Coco, 28 anni, tossicodipendente, è in carcere in custodia cautelare da sabato scorso. Su di lui pende l’accusa di omicidio volontario. La figlioletta di quattro anni è ora orfana di madre. Giulia è stata strangolata. Fino alla fine si è sperato potesse farcela. Giulia aveva deciso di allontanarsi dal marito proprio per quella terribile gelosia.

“Non e giusto però così – scriveva Lo Coco il 6 ottobre su Facebook -, io sono quello che sono, lo sapevi ma tu hai sbagliato e mi hai fatto malissimo. Per carità la colpa e mia, ho sbagliato a fare cose che non ti piacevano, ma c’è l’hai anche tu la colpa che in questi mesi mi ai trattato come spazzatura. Non sarebbe successo nulla di tutto questo se tu avessi parlato con me e non con un estraneo che conosci da pochi mesi. Quasi sette anni insieme non sono pochi. Non posso credere che tutto l’amore che provavi per me sia scomparso così, in un paio di mesi. Giuro, nn ci credo davvero ma ho visto che è così. Sei arrivata al punto di non confidarti più con me, ma con estranei. Non voglio vantarmi, ma tutto e dico tutto l’amore che io ti ho dato in questi sette anni nessuno te lo darà mai. Ti ho amata veramente tantissimo. OK, l’hai voluto tu. Io non ho mai voluto separarmi da te ciao”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *