domenica, Novembre 28, 2021
Home > Abruzzo > Il Circolo PD di Nereto: “No all’impianto per il trattamento dei rifiuti liquidi speciali nella zona industriale”

Il Circolo PD di Nereto: “No all’impianto per il trattamento dei rifiuti liquidi speciali nella zona industriale”

ricostruzione

Riceviamo e pubblichiamo: “Continua a Nereto l’azione del Partito Democratico, in collaborazione con il Movimento 5 Stelle e con i rispettivi gruppi consigliari, nel tentativo di impedire la realizzazione di un impianto per il trattamento dei rifiuti liquidi speciali nella zona industriale. Dopo aver indetto un consiglio comunale aperto e un’assemblea pubblica, si stanno ora coinvolgendo i cittadini e le associazioni ambientaliste, locali e nazionali. Inoltre, il 23 ottobre si è svolta una riunione con i principali gruppi di interesse contrari all’impianto, alla quale hanno partecipato anche alcuni consiglieri comunali di Corropoli e Sant’Omero, comuni confinanti con la zona industriale di Nereto pertanto territorialmente interessati agli effetti derivanti dall’eventuale costruzione dell’impianto di trattamento rifiuti. Cresce quindi la mobilitazione in attesa della conferenza dei servizi del 14 novembre nella quale l’amministrazione comunale di Nereto sarà chiamata a depositare i propri pareri; nell’auspicio che risultino negativi rispetto alla costruzione e all’avvio dell’impianto.

Della problematica in questione, il locale PD e il M5S hanno interessato i propri esponenti politici sia locali (consiglieri regionali) che nazionali (parlamentari) al fine di valutare le azioni da intraprendere sul piano politico amministrativo per ostacolare l’impianto. Continuiamo quindi a sostenere che a Nereto, in un territorio di soli 7km, vocato alla scuola e ai servizi, non sia opportuno né sostenibile impiantare una piattaforma di trattamento dei rifiuti, attività che non crea alcuna utilità né vantaggi economici alla collettività, ma solo disagi e peggioramento del tenore di vita dei neretesi e di tutti gli abitanti della Val Vibrata. Per non parlare poi dell’impatto negativo che l’impianto avrebbe sull’economia turistica della vallata e soprattutto della costa adriatica.

Circolo PD di Nereto