martedì, Dicembre 1, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “MUTI PROVA LA TRAVIATA” del  7 novembre alle 21.15 su RAI 5: in prima TV

Anticipazioni per “MUTI PROVA LA TRAVIATA” del  7 novembre alle 21.15 su RAI 5: in prima TV

Anticipazioni per “MUTI PROVA LA TRAVIATA” del  7 novembre alle 21.15 su RAI 5: in prima TV (none) Una magistrale lezione d’opera tenuta dal Maestro Riccardo Muti, dove la tecnica diventa arte ai massimi livelli. Si intitola “Muti prova La traviata” la nuova serie in otto puntate che Rai Cultura trasmette in prima tv da giovedì 7 novembre alle 21.15 su Rai5. Uno straordinario percorso formativo che guiderà il pubblico anche più inesperto alla scoperta dei tre atti dell’opera di Giuseppe Verdi, concentrandosi sui momenti chiave del dramma, attraverso lo sguardo e l’esperienza di uno dei più grandi direttori d’orchestra del mondo. Il programma, prodotto da RMMusic Records, racconterà le due intense settimane di prove del Maestro Muti con i cantanti e l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, avvalendosi della partecipazione di Renata Scotto, che interpretò Violetta sotto la sua direzione. Quattro appuntamenti da due puntate ciascuno che mostreranno anche l’aspetto didattico del Maestro, con il carisma che lo contraddistingue sul palco, suo habitat naturale in cui esprime rigore e severità, stemperandoli puntualmente con ironia. Il grande direttore metterà a fuoco le sfumature della partitura di Verdi avvalendosi di citazioni, aneddoti e testimonianze di grandi artisti del passato. «Questo progetto si basa sull’insegnamento del repertorio operistico italiano ai giovani direttori, cantanti e maestri collaboratori – dice il Maestro Muti – È la possibilità di trasmettere agli altri, alle nuove generazioni, ciò che ho avuto la fortuna di apprendere dall’incontro con grandi cantanti, grandi direttori, grandi solisti. Ho visto i massimi interpreti all’opera. Sia chiaro, non è che io possegga la verità, ma ho avuto come insegnante Antonino Votto, il grande assistente di Toscanini alla Scala negli anni ’20, che mi ha dato indicazioni, suggerimenti, che non voglio far sparire con me, ma trasmettere ai giovani direttori, non solo in Italia. Lo sento come un dovere». Regia televisiva a cura di Gabriele Cazzola.
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *