giovedì, Novembre 26, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film consigliato stasera in TV: “RESIDENT EVIL: EXTINCTION” martedì 12 novembre 2019

Il film consigliato stasera in TV: “RESIDENT EVIL: EXTINCTION” martedì 12 novembre 2019

Il film consigliato stasera in TV: “RESIDENT EVIL: EXTINCTION” martedì 12 novembre 2019 alle 21:10 su RAI 4  Risultati immagini per resident evil extinction poster
Resident Evil: Extinction è un film del 2007 diretto da Russell Mulcahy. È il terzo film della saga cinematografica Resident Evil, ripresa dal noto videogioco della Capcom. Sono trascorsi tre anni dagli eventi di Resident Evil: Apocalypse: il virus T ha ormai causato una pandemia a livello globale, trasformando la popolazione mondiale in zombie, ed uccidendo contemporaneamente gran parte delle altre forme di vita sul pianeta. I pochi superstiti sono in continuo movimento per sfuggire alle innumerevoli masse di non morti. Alice intercetta via radio una richiesta di soccorso proveniente dai dintorni di Salt Lake City, ma si rivela una trappola di una banda di psicopatici che cercano di torturarla con cani-zombie; riesce a scappare facendo precipitare i suoi rapitori nella loro stessa trappola. Trova poi, in una stazione di servizio, un diario con la posizione di un rifugio in Alaska annotato come “immune” dall’infezione. Nel frattempo, il dottor Alexander Isaacs sta sperimentando gli effetti del virus ottenuto da cloni di Alice, giungendo a creare alcuni “super-zombie”, benché i cloni abbiano fallito nei test cui sono stati sottoposti (repliche della Villa, dell’Alveare e dell’Ospedale di Raccoon City). Sta dando la caccia ad Alice tramite una sofisticata rete di satelliti dell’Umbrella, arrivando perfino a contraffare e contrastare gli ordini dei suoi superiori, tracciandone i poteri psichici che sprigiona. Carlos Olivera ed L.J. si sono uniti a un convoglio guidato da Claire Redfield, continuamente in viaggio alla ricerca di rifornimenti ed inviando richieste d’aiuto via radio (che anche Alice intercetta ma ignora, ritenendo una trappola). Durante una perquisizione in un motel, L.J. viene morso ma lo tiene nascosto ai compagni. All’alba il gruppo, fermatosi per la notte, è assediato da migliaia di corvi infetti, ma l’arrivo casuale di Alice li salva grazie a strani poteri mentali, che la fanno svenire. Alice, notevolmente stressata e stanca, convince il gruppo a seguirla in Alaska, passando per una Las Vegas oramai sommersa da decine di metri di sabbia. Lì sono attaccati dai super-zombie di Isaacs, nascostosi proprio a Las Vegas, che ha localizzato Alice e che cerca perfino di dominarne la mente, ma viene respinto e costretto a scappare dalla stessa Alice che lo ha rintracciato e inseguito, non prima di essere stato morso da uno zombie. Molti uomini del convoglio (compreso il giovane hacker Mikey e il cowboy Chase) soccombono agli zombie, e Carlos viene morso dall’ormai trasformato L.J.. Il gruppo si reca alla vicina base Umbrella per impiegare elicotteri nel viaggio in Alaska, ma sul posto sono presenti migliaia di zombie. Carlos, ormai prossimo alla morte, si sacrifica per creare un diversivo: grazie a lui gli altri riescono a salire sui mezzi ed a spiccare il volo. Alice non è in volo, ma è rimasta li per addentrarsi nei laboratori in cerca di vendetta. Qui incontra la “Regina Bianca” (versione migliorata della Regina Rossa, è un supercomputer con IA molto sviluppata che gestisce la base) che le rivela come il suo sangue da portatore sano è la chiave per sconfiggere l’infezione; sfortunatamente gli strumenti necessari si trovano nei livelli inferiori, dove si trova Isaacs divenuto un mostro enorme con incredibile forza e resistenza. La Regina Bianca chiede ad Alice di fermare Isaacs, ormai fuori controllo. Nei livelli inferiori, Alice trova un suo clone in stato vegetativo. Il clone si sveglia e sembra morire fra le braccia di Alice, che lo copre con la giacca e va alla ricerca di Isaacs. Isaacs la raggiunge e attacca; lo scontro continua in stanze che appaiono repliche identiche della Villa (in cui abitava Alice prima della fuoriuscita del virus T), e del corridoio dell’Alveare con i laser, che squartano Isaacs ma vengono disattivati dal clone poco prima di raggiungere Alice. A Tokyo, il presidente dell’Umbrella Albert Wesker ha una riunione telematica con i dirigenti delle varie divisioni della multinazionale, quando compare Alice in ologramma che gli giura vendetta, promettendo che andrà a trovarlo “con alcuni amici”. Il film si chiude con Alice che osserva altre centinaia di suoi cloni svegliarsi. Regia di Russel Mulchay Con: Milla Jovovich, Oded Fehr ed Ali Larter Fonte: WIKIPEDIA
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *