martedì, Dicembre 1, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film consigliato stasera in TV: “AGENTE 007 – SPECTRE” lunedì 16 dicembre 2019

Il film consigliato stasera in TV: “AGENTE 007 – SPECTRE” lunedì 16 dicembre 2019

film 007 spectre

Il film consigliato stasera in TV: “AGENTE 007 – SPECTRE” lunedì 16 dicembre 2019 alle 21:30 su TV 8

Risultati immagini per 007 spectre poster

Spectre è un film del 2015 diretto da Sam Mendes. È il ventiquattresimo film della serie di 007 prodotta dalla EON Productions, e vede per la quarta volta protagonista Daniel Craig nel ruolo dell’agente segreto James Bond. È il secondo film della serie diretto da Mendes dopo Skyfall.

Seguendo le direttive contenute in un messaggio postumo del precedente M,James Bond si reca a Città del Messico dove uccide Marco Sciarra, membro di un’ignota organizzazione criminale che stava pianificando un attentato. Bond prende l’anello dell’uomo e torna a Londra, dove il nuovo M, Gareth Mallory, lo sospende per avere agito senza autorizzazione, causando un grave incidente diplomatico. Successivamente M incontra il nuovo capo dei servizi segreti congiunti, Max Debingh (nome in codice “C”), che lo informa della sua volontà di unire i servizi segreti di tutto il mondo e le loro conoscenze per sospendere l'”antiquato” programma 00. A tal proposito Debingh vorrebbe fare approvare un programma, chiamato i “Nove Occhi”, che però non riesce mai a raggiungere l’unanimità dei voti; M rimane scettico riguardo al progetto, paragonandolo ironicamente al Grande Fratelloorwelliano. Sempre seguendo le ultime volontà dell’ex M, Bond si reca segretamente a Roma per presenziare al funerale di Sciarra, facendo conoscenza della vedova dell’uomo, Lucia. Dopo averla sedotta riesce ad infiltrarsi nella riunione dell’organizzazione di cui il marito faceva parte, ma viene scoperto dal capo di questa, Franz Oberhauser, una figura appartenente al passato dell’agente segreto. In ogni caso, prima di fuggire, Bond scopre che tale organizzazione gestisce numerosi traffici illegali ed è collegata a diversi attentati avvenuti di recente.

James si mette quindi alla ricerca di un uomo che l’organizzazione di Oberhauser vuole eliminare e, con l’aiuto di Eve Moneypenny, scopre che si tratta del suo vecchio nemico Mr. White. L’agente lo rintraccia in un isolato chalet austriaco, dove White, debole e morente per un avvelenamento da tallio inflittogli dall’organizzazione, si sta nascondendo; l’uomo, prima di suicidarsi, fa promettere all’agente che proteggerà sua figlia, Madeleine Swann, ed in cambio ella condurrà Bond a L’Americain, che porterebbe James più vicino ad Oberhauser.

James raggiunge la clinica privata sulle Alpi in cui Madeleine lavora come psicologa e lì viene raggiunto anche da Q a cui consegna l’anello dell’organizzazione affinché possa essere esaminato. Dopo avere salvato Madeleine da alcuni uomini di Oberhauser Bond viene ragguagliato da Q; all’organizzazione, chiamata SPECTRE, erano in qualche modo affiliati anche vecchie nemesi dell’agente quali Le Chiffre, Dominic Greene, Mr. White eRaoul Silva, tutti collegati tra loro da una sola persona, Franz Oberhauser, che però pare essere morto vent’anni prima in una valanga assieme al padre.

James Bond (Daniel Craig) a Roma, al funerale di Marco Sciarra.

Dopo che un violento attentato della SPECTRE colpisce Città del Capo anche il governo sudafricano decide di aderire al programma Nove Occhi, che viene quindi approvato all’unanimità. Madeleine e James giungono a Tangeri, inMarocco, e, in una vecchia stanza d’albergo (chiamato appunto L’Americain) che un tempo White affittava per se stesso e per la propria famiglia trovano una mappa e delle indicazioni che li conducono nel bel mezzo del deserto. Là vengono raggiunti da un autista che li conduce alla base della SPECTRE, situata in un cratere da meteorite nel deserto. Qui Oberhauser si rivela essere in combutta con C, e di avere organizzato gli attentati ai danni degli stati restii ad approvare il programma Nove Occhi, finanziato e progettato da Oberhauser stesso, perché questo potesse essere approvato.

Oberhauser imprigiona Bond e Madeleine rivelando la sua identità; è il figlio dell’uomo che crebbe Bond dopo che questo rimase orfano in giovane età. Invidioso delle attenzioni riservate dal padre al giovane James, uccise il genitore e si finse morto, entrando nel mondo del crimine con nuovo nome: Ernst Stavro Blofeld. L’uomo si prefisse l’obiettivo di fare soffrire Bond, diventando “l’artefice delle sue sofferenze”: molti dei lutti e delle difficoltà che l’agente segreto ha dovuto patire sono state infatti orchestrate da Blofeld e dalla sua SPECTRE. Infine Blofeld tenta di praticare una lobotomia a Bond (per compromettergli la capacità di riconoscere i suoi conoscenti e le persone a cui tiene), ma quest’ultimo si libera ed apparentemente lo uccide con un orologio-bomba fornitogli da Q, fuggendo con Madeleine dalla base della SPECTRE, che finisce distrutta da un’esplosione. Tornato a Londra Bond, assieme a M, Moneypenny e Bill Tanner, compie una corsa contro il tempo per fermare Debingh ed il lancio dei Nove Occhi, che donerebbe potere illimitato alla SPECTRE. Mentre il gruppo di M penetra nella sede di C Bond viene catturato e condotto nell’ex sede del MI6 (caduta in disuso dopo essere stata danneggiata dagli attacchi di Raoul Silva) davanti a Blofeld, vivo ma sfigurato in volto. Il cattivo propone a Bond una scelta: morire nel tentativo di salvare Madeleine, intrappolata da qualche parte nell’edificio, che verrà distrutto dalle cariche esplosive piazzate dalla SPECTRE, o fuggire e sopravvivere, vivendo però con il rimorso di non avere salvato la ragazza.

Q riesce a fermare l’attivazione dei Nove Occhi, mentre Debingh muore nella lotta contro M cadendo dal palazzo. James riesce a salvare Madeline ed insegue con un motoscafo sul Tamigi Blofeld che sta fuggendo su un elicottero. Bond riesce ad abbattere l’elicottero, ma nonostante sia incitato dallo stesso Blofeld a farlo, preferisce non uccidere il criminale e consegnarlo a M.

Tempo dopo James si presenta da Q per ritirare la sua storica Aston Martin DB5, e con questa parte da Londra assieme a Madeleine.

Cast

Daniel Craig, la produttrice Barbara Broccoli, Naomie Harris e Christoph Waltz all’anteprima berlinese del film.

Regia di Sam Mendes.

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *