sabato, Ottobre 31, 2020
Home > Marche > La Mieleria di San Lorenzo per il quarto anno di fila vince il Premio Qualità Miele Marchigiano

La Mieleria di San Lorenzo per il quarto anno di fila vince il Premio Qualità Miele Marchigiano

mieleria

Colleziona premi per la qualità del suo miele come Ronaldo e Messi Palloni d’Oro. Il miele de La Mieleria di San Lorenzo, per il quarto anno consecutivo, è risultato il migliore delle Marche. Cinque riconoscimenti negli ultimi sei anni, stavolta al concorso regionale Premio Qualità Miele Marchigiano l’attestato è arrivato con il miele di colza.

Nel 2018 l’azienda di Luca Londei, che si trova a San Lorenzo in Campo, in provincia di Pesaro Urbino, aveva ottenuto le due Gocce d’oro con il miele di girasole e di coriandolo al prestigioso Concorso Grandi Mieli d’Italia, quindi il successo a livello regionale, dove si è confermata ancora ai vertici.

La premiazione della mieleria all’Istituto zooprofilattico sperimentale dell’Umbria e delle Marche ad Ancona

La premiazione nei giorni scorsi all’Istituto zooprofilattico sperimentale dell’Umbria e delle Marche ad Ancona, all’interno del convegno “La qualità del miele e l’apicoltura di qualità, a partire dalla salute dell’alveare”.

Il concorso, giunto alla 15esima edizione, è organizzato dall’Assam (Agenzia servizi settore agroalimentare delle Marche).

Il “Premio Qualità Miele Marchigiano”, riconosciuto dall’Albo Nazionale degli Esperti in Analisi Sensoriale del Miele, è inserito nel programma regionale di miglioramento della produzione e commercializzazione del miele con le finalità di migliorare, valorizzare e promuovere le produzioni regionali. Con questa iniziativa ci si propone di offrire ai consumatori e a tutti gli operatori del settore alimentare uno strumento per la scoperta delle caratteristiche organolettiche dei mieli marchigiani e dei loro produttori

A valutare i mieli una giuria di assaggiatori, iscritti all’Albo nazionale.

«Confermarsi, ottenere ogni anno premi così prestigiosi – evidenzia Londei – è una grande soddisfazione che mi piace condividere con tutti i miei collaboratori. Il percorso, caratterizzato dalla massima qualità, che abbiamo intrapreso ci sta dando ottimi risultati. Siamo molto attenti nel selezionare pascoli e boschi, dove insediare gli apiari e prestiamo enorme cura nell’estrazione e nella lavorazione: c’è questo alla base del nostro miele che ottiene sempre tanti riconoscimenti importanti»

Dopo essere risultato negli anni il migliore con coriandolo, millefiori, girasole, in questa edizione il prestigioso premio è arrivato con il miele di colza:

«E’ un miele che non produciamo tutti gli anni, ma solo quando la stagione lo consente. Come gli altri nostri mieli, anche questo è l’espressione più genuina e tipica del territorio in cui è stato prodotto, ossia sui terreni dell’Opera Pia Mastai Ferretti a Senigallia».

Un premio che acquista ancor più valore considerando che in Italia quello di colza è una rarità: «Il miele di colza, molto diffuso in altri paesi europei, in Italia è piuttosto raro. La fioritura primaverile inizia ad aprile e puo’ durare per tutto maggio. Attraverso una lavorazione particolare riusciamo a renderlo cremoso. E’ un miele molto apprezzato, può dare un tocco sorprendente a preparazioni di cucina salate».

Il riconoscimento ottenuto fa bella mostra di sé nel punto vendita di San Lorenzo in Campo lungo la strada Pergolese, dove oltre ad un’ampia varietà di mieli si possono trovare i migliori prodotti enogastronomici tipici: tante idee per un regalo di Natale di qualità.

Per rimanere aggiornati è possibile consultare la pagina Facebook La Mieleria di San Lorenzo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *