sabato, Dicembre 5, 2020
Home > Lazio > L’esito dei controlli presso le Stazioni Ferroviarie del Lazio ed a bordo treno

L’esito dei controlli presso le Stazioni Ferroviarie del Lazio ed a bordo treno

bimbo

Di seguito l’esito dell’attività della Polizia di Stato nell’ultimo Weekend del 2019 presso le Stazioni Ferroviarie del Lazio ed a bordo treno: 2 persone arrestate, 3.824 identificate, di cui 12 denunciate in stato di libertà; 428 pattuglie impiegate, di cui 64 a bordo treno e 41 in stazione; 133 treni scortati e 2 contravvenzioni amministrative elevate al regolamento di Polizia Ferroviaria.

Questo è il bilancio dell’attività della Polizia Ferroviaria del Compartimento per il Lazio nel corso del weekend appena trascorso, frutto dei controlli intensificati del “territorio ferroviario” in ambito regionale, in occasione delle festività natalizie e di fine anno.

Gli Agenti  della Sottosezione Polizia Ferroviaria di Civitavecchia, hanno arrestato un cittadino italiano perché destinatario di un ordine di carcerazione per l’espiazione della pena di un anno di arresto. Il soggetto ospite presso una struttura sita all’interno della Stazione di Civitavecchia, che offre ospitalità alle persone nell’ambito di una convenzione stipulata tra il Comune e la Croce Rossa Italiana, è stato preso in custodia dagli Operatori Polfer, recatisi nella struttura ricettiva, sul quale pendeva la nota di ricerca. Al termine dei controlli il cittadino italiano è stato associato presso il carcere.

Personale della Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio, ha proceduto all’arresto di un cittadino francese, in esecuzione di un’ordinanza di aggravamento di misura cautelare  in carcere emessa dal Tribunale di Roma. Il cittadino francese, nel mese di ottobre si era già reso responsabile del furto di un telefono cellulare, rubato all’interno di un furgone in sosta nella zona della Stazione di Roma Termini e nel mese di dicembre del furto di uno zaino, all’interno della Stazione Tiburtina, ai danni di una cittadina italiana. L’uomo, già sottoposto all’obbligo di dimora nel Comune di Roma, una volta arrestato è  stato associato presso la Casa Circondariale di Regina Coeli.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *