lunedì, 24 Febbraio, 2020
Home > Mondo > Iran, il generale Soleimani ucciso nel corso di un attacco aereo americano

Iran, il generale Soleimani ucciso nel corso di un attacco aereo americano

soleimani

Il più potente comandante militare dell’Iran, il generale Qasem Soleimani, è stato ucciso nel corso di un attacco aereo americano in Iraq.

Il 62enne ha guidato le operazioni militari iraniane in Medio Oriente come capo dell’élite Quds Force iraniana.

È stato ucciso all’aeroporto di Baghdad, insieme a milizie locali appoggiate dall’Iran, durante un attacco ordinato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

L’uccisione di Soleimani segna un’importante escalation delle tensioni tra Washington e Teheran.

Sotto la sua guida, l’Iran aveva sostenuto Hezbollah in Libano e altri gruppi militanti filo-iraniani, ampliato la presenza militare iraniana in Iraq e Siria e orchestrato l’offensiva siriana contro i gruppi ribelli nella lunga guerra civile del paese.

Soleimani era considerato da lungo tempo visto come la seconda figura più potente in Iran dietro l’Ayatollah Khomeyni . La sua Quds Force, un’unità d’élite delle guardie rivoluzionarie iraniane, riferì direttamente all’Ayatollah e Sleimani fu salutato come un eroe nazionale.

Il presidente Trump, che era in Florida al momento dell’attacco, ha twittato un’immagine della bandiera americana poco dopo la notizia.

Una dichiarazione del Pentagono afferma che Soleimani “stava attivamente sviluppando piani per attaccare diplomatici e membri del servizio americano in Iraq e in tutta la regione”. Nel frattempo, i prezzi globali del petrolio sono aumentati di oltre il 4%.


Il generale Soleimani e i funzionari delle milizie appoggiate dall’Iran stavano lasciando l’aeroporto di Baghdad in due auto quando sono stati colpiti dai droni negli Stati Uniti vicino a un’area di carico.

Secondo quanto riferito, il comandante era arrivato in aereo dal Libano o dalla Siria. Secondo quanto è stato possibile apprendere, diversi missili hanno colpito il convoglio e si pensa che almeno cinque persone siano morte.
Le guardie rivoluzionarie iraniane hanno affermato che il leader della milizia irachena Abu Mahdi al-Muhandis è tra gli uccisi.

Questa la dichiarazione del Pentagono: “Sotto la direzione del presidente, le forze armate statunitensi hanno intrapreso azioni difensive decisive per proteggere il personale americano all’estero uccidendo Qasem Soleimani”.

Ha aggiunto: “Gli Stati Uniti continueranno a prendere tutte le misure necessarie per proteggere il nostro popolo e i nostri interessi ovunque si trovino in tutto il mondo”.

Come comandante delle forze speciali d’élite, Soleimani ha orchestrato operazioni segrete, coinvolgendo una rete di milizie per procura, in tutta la regione.

Il generale dai capelli d’argento con la barba corta era un eroe per i suoi combattenti e la faccia del male per i suoi nemici.

I funzionari iraniani sono categorici: questo è un atto di guerra che deve essere affrontato con “aspre ritorsioni”. L’Iran ha molti modi e mezzi per reagire mentre la crisi, da tempo bollente, si sposta improvvisamente ora su un nuovo capitolo, appena aperto, ma estremamente pericoloso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *