lunedì, Ottobre 26, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Cagli, “L’amore al tempo dello storytelling” al Teatro Comunale

Cagli, “L’amore al tempo dello storytelling” al Teatro Comunale

cagli

CAGLI – Dalla virtualità del web alla concretezza di un palco teatrale, Il Terzo Segreto di Satira, team creativo che ha conquistato i social con i suoi video satirici da milioni di visualizzazioni, esordisce in teatro a Cagli con l’anteprima italiana dello spettacolo L’AMORE AL TEMPO DELLO STORYTELLING, regia di Pablo Solari. Il debutto è in programma al Comunale venerdì 10 gennaio alle 21.00.

Nell’inedita veste di autori teatrali, il gruppo satirico milanese presenta una commedia che sorprende per la  capacità di presentare confusioni e paradossi della politica italiana. Il protagonista è Alfredo (Marco Cacciola), un trentenne da poco single che vive in un monolocale in affitto. Alfredo trascorre le sue giornate in attesa del reddito di cittadinanza e nella speranza di avere prima o poi un appuntamento con Greta (Paola Giannini), la bellissima vicina di casa.

Durante una serata davanti alla tv, Arturo guarda una trasmissione politica con un Matteo Renzi in splendida forma. Si appisola e al risveglio si ritrova davanti un giovane rampante, camicia bianca con manica arrotolata, è lo storyteller (Lorenzo Frediani), l’unico che può far capire che l’importante non è quello che si da o quello che si è, ma quello che si rappresenta, quello che viene percepito, quello che insomma si racconta. Tre parole d’ordine: romanzare, omettere, emozionare. La vita di Arturo cambia radicalmente grazie allo storyteller, ma cosa succederà quando la retorica renziana perderà il suo effetto e arriverà il Salvini di turno?

Lo spettacolo, che si svolgerà al teatro comunale di Cagli, è ambientato nell’appartamento di Alfredo

Lo spettacolo è ambientato nell’appartamento di Alfredo, i personaggi compaiono da porte, finestre o da dietro il divano, il protagonista è circondato e costretto ad affrontare le responsabilità che di volta in volta la vita gli presenta. Il cast scelto è in grado di mostrare tanto i lati i comici dei personaggi quanto quelli più teneri ed emotivi. Per questo è stato scelto un gruppo inedito di attori, noti soprattutto nel teatro di prosa, che daranno uno spessore drammatico sorprendente alla commedia.

L’amore al tempo dello storytelling è una commedia dal ritmo brioso, in grado di unire brillantemente satira e intrattenimento. La regia è curata dal giovane Pablo Solari, reduce da importanti collaborazioni quali la Biennale di Venezia, il musicista Roy Paci e il varietà cult milanese Contenuti Zero Varietà.

Biglietti

Ingresso unico 10.00

Prevendita online su www.liveticket.it/teatrodicagli

Prevendita biglietti a Cagli c/o Liveticket Point

– Antica Tabaccheria in Piazza Matteotti, 22 – Tel.0721.781881

Anche con Carta del Docente e 18App

Botteghino del Teatro

Tel. 0721 781341 – e mail: botteghino.teatrodicagli@gmail.com

L’AMORE AL TEMPO DELLO STORYTELLING

Uno spettacolo de Il Terzo Segreto di Satira

Con Marco Cacciola, Lorenzo Frediani, Paola Giannini

Regia Pablo Solari

Collaborazione creativa Gerets – Scene e costumi Maddalena Oriani

Light design Fabio Bozzetta – Sound design e coordinamento tecnico Alessandro Levrero

Produzione Il Terzo Segreto di Satira in collaborazione con Associazione centro teatrale MaMiMò

IL TERZO SEGRETO DI SATIRA – Nato nel febbraio 2011, formato da Pietro Belfiore, Davide Bonacina, Andrea Fadenti, Andrea Mazzarella e Davide Rossi, che si sono conosciuti frequentando insieme la Civica Scuola di Cinema di Milano. Diventano noti con il video Il favoloso mondo di Pisapie, pubblicato su Youtube in occasione del ballottaggio delle elezioni comunali di Milano del 2011, in cui, prendendo spunto da alcune frasi pronunciate dagli esponenti del centrodestra contro il candidato del centrosinistra Giuliano Pisapia, ironizzavano sulle possibili conseguenze della vittoria di quest’ultimo. Il video ottenne un successo inaspettato, da parte del pubblico e dei mass media, permettendo al gruppo di farsi conoscere e di iniziare collaborazioni con noti programmi televisivi quali Ballarò, Report, Piazzapulita.

Nel maggio 2015 hanno condotto uno speciale su La EFFE, intitolato Democrazia portami via. Nel 2017 hanno realizzato il loro primo film, Si muore tutti democristiani, di cui sono registi e anche co-autori della sceneggiatura insieme ad Ugo Chiti, uscito in sala a maggio 2018. Sempre nel 2018 esce la prima webserie del gruppo, intitolata Sandro, prodotta da Niente TV e distribuita da D-Play. Visto il successo di pubblico e critica nel 2019 esce il suo seguito Sandro 2. L’amore al tempo dello storytelling è il loro debutto teatrale.

PABLO SOLARI– Regista e drammaturgo, classe 1989, nato a Cattolica (RN). Cresce a Pesaro; vive tra Lima e Milano. Laureato in Scienze Politiche presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano nel 2012; si diploma in Regia teatrale presso la Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano nel 2015. Lo stesso anno debutta alla regia con Scusate se non siamo morti in mare (2016) di Emanuele Aldrovandi, spettacolo finalista al Premio Scenario 2015, testo finalista al Premio Riccione Tondelli 2015, prodotto dall’Ass. Centro Teatrale MaMiMò. Nel 2016 è drammaturgo e aiuto regista di Oreste all’interno del progetto Santa Estasi. Atridi: otto ritratti di famiglia (2016) con la regia di Antonio Latella, vincitore del Premio Ubu 2016 come Spettacolo dell’anno e vincitore del Premio della Critica 2016. Nel giugno 2018 è responsabile dell’adattamento drammaturgico dei Cavalieri di Aristofane per l’Istituto Nazionale di Dramma Antico di Siracusa. Nell’autunno debutta presso il teatro di Milano lo spettacolo “L’indifferenza”, prodotto dall’Ass.Centro Teatrale MaMiMò e Teatro i. Dal gennaio 2019 è regista di Contenuti Zero Varietà, con cui firma una serie di sette spettacoli presentati settimanalmente presso il Teatro Leonardo di Milano, prodotto da Agidi S.r.l. Nello stesso anno presenta in collaborazione con il musicista Roy Paci lo spettacolo Carapace, che ha aperto il Festival delle Orestiadi di Gibellina 2019. È collaboratore della Biennale di Venezia per cui ha realizzato due regie di opera contemporanea per Biennale Musica 2019.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *