venerdì, Settembre 17, 2021
Home > Marche > Coronavirus ed economia: danni al comparto turismo-cultura. Pieroni scrive a Franceschini

Coronavirus ed economia: danni al comparto turismo-cultura. Pieroni scrive a Franceschini

coronavirus

Coronavirus ed economia: l’assessore regionale Moreno Pieroni esprime la preoccupazione del mondo politico e scrive al Ministro Franceschini, per chiedere che si intervenga tempestivamente per fronteggiare la grave situazione di disagio economico, che l’emergenza Covid-19 sta determinando sia a livello regionale che nazionale.

L’assessore regionale al Turismo-Cultura, Moreno Pieroni, auspica che vengano messi in atto da parte del Governo Nazionale e ove occorra anche dall’Unione Europea, tutti quei provvedimenti straordinari e contingibili per fronteggiare la gravissima crisi.

Marche: il settore turismo azzerato a causa del Covid-19

Pieroni evidenzia come a causa dell’emergenza Coronavirus, il settore del turismo che nella nostra piccola Regione, rappresenta il 13% del PIL complessivo, con oltre 80 mila addetti tra maestranze dirette ed indirette, sia stato totalmente azzerato.

Le prenotazioni per soggiorni vacanzieri, di breve o lunga durata, sono stati cancellate da oggi ai mesi a venire. Il nostro assessore, sottolinea come le Marche post sisma del 2016, abbiano faticato a riprendersi economicamente e come solo con l’impegno ed un lavoro importante, svolto in sinergia con il MIBACT e l’ENIT, si sia riusciti a ricostruire una nuova offerta turistica ed una nuova destinazione. Stavamo finalmente godendo dei frutti, dopo gli anni post sisma, di reale oscurantismo a livello turistico, successo sottolineato dalla stampa qualificata e dagli operatori internazionali, ad iniziare da “ Lonely Planet “, che aveva incluso le nostre Marche come unica destinazione italiana al mondo, imperdibile per il 2020. Questo ante Coronavirus. Ora invece viviamo una situazione di grave disagio ed emergenza economica. Non solo il settore del turismo ma anche quello delle attività dello spettacolo, con le maestranze, le sale cinematografiche e il comparto dei beni e delle attività culturali, soffrono della realtà contingente odierna.

Le proposte circostanziate dell’assessore Pieroni al ministro Franceschini

L’assessore al Turismo e Cultura trasmette al ministro Franceschini, le proprie circostanziate proposte, nel rinnovato senso di responsabilità, che in questo periodo di emergenza Coronavirus, tutte le cariche politiche devono avere, per fronteggiare l’emergenza coese ed unite, con l’auspicio che possano trasformarsi presto in provvedimenti operativi, indispensabili. Tali provvedimenti dovranno riguardare tutto il territorio nazionale e non solo le zone rosse.

Proposte operative dell’assessore Pieroni

Queste nel dettaglio le proposte operative trasmesse al ministro e condivise dal sistema turistico-culturale regionale: – Ottenere dall’Unione Europea per la nuova programmazione dei fondi strutturali 2021- 2027, l’inserimento di uno specifico obiettivo strategico/asse dedicato al turismo ed alla cultura, a cui spetti la dovuta e giusta attenzione al pari degli altri settori economici.

Ampliare la platea destinataria prevista dal dl n.9 del 2 Marzo 2020. La sospensione di versamenti, ritenute, contributi e premi per il settore turistico-alberghiero dovrà essere ampliata inserendo tutte le imprese e le professioni del settore turismo anche quelle connesse alla filiera.

Garantire misure di sostegno per le attività e le imprese culturali prevedendo risorse per contenere le perdite dei soggetti finanziati dal Fondo Unico Spettacolo, di sale e circuiti cinematografici, delle imprese e dei lavoratori nel settore dello spettacolo e impegnati nella valorizzazione del patrimonio culturale.

Fornire sostegno ai lavoratori con l’estensione e l’attivazione immediata della Cassa Integrazione in deroga per tutte quelle aziende del settore turismo alle quali non si applicano gli ammortizzatori sociali esistenti e semplificare la procedura d’accesso alla CIG-CIGS-FIS alle aziende destinatarie di tali misure. Prolungare lo stato di disoccupazione per i lavoratori stagionali.

Differire e sospendere almeno fino il 30 Settembre 2020 i termini del pagamento dei contributi previdenziali e delle imposte dirette e indirette anche locali, con possibilità di deroga.

Sospensione del pagamento delle rate dei mutui bancari e dei relativi interessi con slittamento delle rate in coda al piano di ammortamento nonché l’accesso facilitato al Fondo di garanzia delle PMI.

Concessione di un indennizzo alle aziende e ai lavoratori autonomi che abbiano subito danni rilevanti diretti. Nella sua lettera poi, l’assessore Pierone auspica, che in una fase posteriore alla messa in atto, di queste misure anti crisi post-covid, ci si impegni in un programma di investimenti e ristrutturazione, che possa rilanciare il settore ma che rappresenti anche un volano per l’economia del Paese. Prevede in quest’ottica un Piano straordinario di promozione e marketing, diretti principalmente al mercato turistico internazionale. L’assessore ha infine ricordato le urgenze storiche della nostra Regione Marche, inerenti i collegamenti, che attendono un intervento istituzionale. Il completamento della terza corsia dell’autostrada A14 da Porto S. Elpidio a San Benedetto del Tronto, il raddoppio della linea ferroviaria nella tratta Orte-Ancona, la realizzazione dell’alta velocità lungo l’asse ferroviario adriatico. Prima dei saluti, l’ assessore Pierone chiede di fare chiarezza e risolvere l’annosa questione inerente i rinnovi delle concessioni balneari, alla luce delle disposizioni contraddittorie, riconducibili alla normativa europea (direttiva Bolkestein) e delle norme contenute nella FInanziaria per il 2019.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net