domenica, Dicembre 5, 2021
Home > Italia > Ilaria Di Roberto, vittima di cyberbullismo e revenge porn, ora sfida il mondo con una canzone

Ilaria Di Roberto, vittima di cyberbullismo e revenge porn, ora sfida il mondo con una canzone

ilaria

LATINA – Una storia di grande dolore e sofferenza, ma anche e soprattutto di infinito coraggio. A raccontarcela è Ilaria Di Roberto, 29enne di Cori (Latina), vittima di cyberbullismo e revenge porn, poi indagata per lo stesso reato. “Vogliono incastrarmi”, sostiene la giovane, che ora si prende la propria rivincita con una canzone.

“Mi chiamo Ilaria Di Roberto – ci scrive – , ho 29 anni e sono di Cori, provincia di Latina. Molti mi conoscono perché vittima di revenge porn, cyberbullismo, stalking, hacking, diffamazione, istigazione al suicidio e minacce da parte di una setta che mi ha irretita qualche mese fa, spacciandosi per una società LTD con sede a Catania.

Quest’ultima vicenda è stata la goccia che ha fatto traboccare un vaso già pieno, visto che è da tutta la vita che sono vittima di bullismo, più precisamente dalle scuole elementari. A causa di questo disagio, all’età di 12 anni mi ammalai di anoressia. A 17 anni invece, fui vittima di molestie sessuali. La mia storia é ormai nota al livello nazionale, visto che sono stata ospite in alcune trasmissioni televisive. Sto facendo tutto questo chiasso affinché la giustizia acceleri il corso delle indagini ed io possa trovare pace una volta per tutte, visto che anziché prendere provvedimenti in mio favore li ha presi contro di me, ingiustamente aggiungerei.

Oltre ad essere parte offesa, sono anche indagata: mi accusano di aver diffamato i miei ex, trascurando il fatto che sono stata vittima di hacking e che a dispetto delle malefatte, non mi sarei mai permessa di compiere un atto del genere, per giunta autodenunciandomi. Sono vittima per ben due volte: una a causa dei carnefici, l’altra per mano della giustizia.

A fronte di questo vorrei che la mia storia fosse messa al servizio di coloro che stanno vivendo il mio stesso disagio: sto avviando una campagna di sensibilizzazione al problema della violenza in ogni sua forma. In futuro ho intenzione di fondare una casa famiglia in memoria di tutte quelle donne che purtroppo non ce l’hanno fatta, tra queste Tiziana Cantone.

Sto prendendo parte a convegni sul Cyberbullismo ed inoltre sto preparando il mio secondo libro “Tutto ciò che sono”, che va ad analizzare a fondo tali tematiche. Altresì ho avviato un progetto insieme alla M&N VOX di Nicola Ursino e Marco Di Maio, che mi hanno concesso l’opportunità di diffondere il mio messaggio di prevenzione attraverso un videoclip “Abbassa la voce” il cui testo va ad analizzare più da vicino la tematica. Il ricavato del video ottenuto attraverso le visualizzazioni sulle varie piattaforme sarà devoluto in beneficenza.

Premetto che non sono una cantante, non mi sento Anna Tatangelo, ma amo l’arte in tutte le sue forme. Ed é attraverso l’arte che ho scelto di avviare questa campagna di prevenzione a tutela e sostegno delle vittime di violenza. Ho deciso attraverso quel poco che so fare di poter diffondere un messaggio: l’amore non ha lividi, né sulla pelle, né ancor meno nell’anima.

“Abbassa la voce” è la mia rivalsa, il mio modo per poter gridare al mondo intero la mia voglia di riscatto e di rinascita a seguito di un lungo periodo di morte interiore, durante il quale due mesi fa tentai anche il suicidio. Insieme alla M&N VOX stiamo cercando un’associazione a tutela della violenza che possa prendere a cuore il progetto e diffondere insieme a noi il mio messaggio.

toccato il fondo, cantare l’amore è l’unico modo che ho di rinascere e permettere che anche altre, insieme a me, possano fare lo stesso. Spero di poter trovare un piccolo spazio all’interno della vostra testata per poter promuovere questa iniziativa e raccontare la mia storia”.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net