sabato, Gennaio 23, 2021
Home > Italia > Turismo Europa, scatta la guerra dei confini. Di Maio: “Non accettiamo black list”

Turismo Europa, scatta la guerra dei confini. Di Maio: “Non accettiamo black list”

turismo

Turismo Europa, la guerra non sembra più essere volta al nemico invisibile, ma a garantirsi la sopravvivenza. E si combatte a suon di confini. Non parliamo di aperture/chiusure tra regioni italiane, ma di black list a livello europeo.

Accade così che, mentre l’Italia si dice pronta ad accogliere i turisti stranieri, il nostro ingresso sembrerebbe essere vietato in Austria e Grecia, che hanno deciso di chiudere ai nostri connazionali. La Grecia accoglierà infatti, a partire dal prossimo 15 giugno, turisti provenienti da 29 Paesi, ma non dall’Italia. Un turismo, quindi, a doppio binario: uno chiuso ed uno aperto.

“In questi giorni – scrive il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, sul proprio profilo Facebook – ne ho sentite davvero tante sull’Italia. Non mi sembra il momento di fare polemiche, ma una cosa voglio dirla chiaramente: esigiamo rispetto. Bisogna misurare sempre le parole e le azioni. Se qualcuno pensa di trattarci come un lazzaretto allora sappia che non resteremo immobili.

La pazienza ha un limite. E per carità, capisco anche la competizione tra singoli Stati, è legittima, a patto però che sia sana e leale. Perché c’è un dato che rivendico con orgoglio: l’Italia è bella, unica, ha delle meraviglie pazzesche, delle spiagge fantastiche. E molto probabilmente non ha rivali.
Adesso sul tema della riapertura dei confini serve una risposta europea, perché se si agisce in maniera diversa e scomposta viene meno lo spirito Ue. E crolla l’Europa.

Come Ministero degli Affari Esteri stiamo lavorando senza sosta.
Mercoledì 3 giugno verrà a roma il ministro degli Esteri francese Le Drian. Sarà il suo primo viaggio all’estero dopo il lockdown e siamo felici che abbia scelto il nostro Paese. Un attestato di vicinanza, che apprezziamo.
Venerdì 5 invece io stesso andrò in Germania, sabato 6 sarò in Slovenia e martedì 9 in Grecia.

In questi incontri spiegherò ai miei colleghi che l’Italia dal 15 giugno è pronta a ricevere turisti stranieri e che agiremo con la massima trasparenza. La situazione interna, tutti i dati sui contagi, saranno sempre pubblici. Spiegherò loro che non accettiamo black list e che noi non abbiamo nulla da nascondere, anzi. Abbiamo sempre agito con responsabilità e trasparenza e continueremo a farlo. Ma proprio per questo, appunto, ci aspettiamo rispetto”.

Così, mentre la Grecia chiude agli italiani, dal 3 giugno i greci avranno invece libero accesso in Italia.

In sostanza, quindi, nessuna isola greca sarà per gli italiani accessibile, almeno per ora. Anche Austria e Svizzera non hanno intenzione di riaprire le frontiere all’Italia, “per il momento”. La Croazia lo fa, ma in parte: si potrà entrare nel territorio per motivi di lavoro e turismo, ma solo se si sarà prenotato l’albergo.

E l’Italia, incredibilmente, continua a vestire “gli abiti dell’untore”.


Lucia Mosca

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *