domenica, Luglio 5, 2020
Home > Italia > Incidenti sul lavoro, la strage silenziosa. Vedovi: “Basta chiacchiere”

Incidenti sul lavoro, la strage silenziosa. Vedovi: “Basta chiacchiere”

lavoro

Incidenti sul lavoro, la strage silenziosa. Vedovi (Confederazione Autonoma Italiana Lavoratori – Confail): “Nessuno ne parla, ma le morti sul lavoro non si sono fermate. Basta chiacchiere, Catalfo faccia qualcosa o si dimetta”


Riceviamo e pubblichiamo: In questo periodo di emergenza sanitaria si è parlato in particolar modo dei contagi e decessi di lavoratori che si sono ammalati sul posto di lavoro a causa del contagio da Covid-19. Ma nessuno ha parlato dei drammatici dati, pubblicati dall’INAIL, riguardo gli infortuni sul lavoro molti dei quali hanno causato la morte del lavoratore.

Sul tema si è espressa la Confail tramite il responsabile nazionale Gian Maria Vedovi che ha dichiarato: “Il report Inail del 2020 sugli infortuni e i decessi sul lavoro è un bollettino di guerra davvero inquietante. Solo a gennaio ben 52 persone hanno perso la vita in incidenti sul lavoro, otto in più rispetto alle 44 registrate nel primo mese del 2019 (+18,2%). Sono aumentate soprattutto le denunce di incidenti mortali avvenuti in itinere (da 13 a 19), mentre quelle per infortuni in occasione di lavoro sono passati da 31 a 33.

Gli incidenti mortali hanno toccato un po’ tutti i settori: industria e servizi (da 39 a 43 denunce), agricoltura (da 5 a 7) e conto Stato (da 0 a 2). In gennaio è avvenuto anche il primo incidente stradale plurimo, in cui hanno perso la vita due lavoratori. nelle ultime settimana sono ci sono stati incidenti mortali In provincia di Venezia, in Provincia di Verona, in Provincia di Firenze, in Provincia di Isernia; senza considerare i gravissimi incidenti avvenuti a Roma e in altre città Italiane.

Bisogna fare qualcosa, non si può sempre far finta di nulla. Sono lavoratori, padri di famiglia, mariti, figli; dobbiamo fermare questa strage silenziosa dimenticata da Governo, Sindacati ed Associazioni di Categoria. A Breve partiremo con una raccolta firme da mandare al Ministro Catalfo per chiedere un immediato intervento, da parte del Governo, per risolvere il problema. Non accetteremo che continuino le morti e gli infortuni sul lavoro, siamo pronti anche a scendere in piazza con dei sit-in di protesta. Se il ministro Catalfo non è in grado di affrontare la situazione deve dimettersi perché il suo scarso impegno, riguardo gli incidenti sul posto di lavoro, fanno di lui responsabile indiretto di queste morti”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com