mercoledì, Luglio 8, 2020
Home > Lazio > Sanità, all’Inmi Spallanzani bonus Covid per tutto il personale

Sanità, all’Inmi Spallanzani bonus Covid per tutto il personale

spallanzani

Sanità, all’Inmi Spallanzani bonus Covid per tutto il personale
Chierchia (Cisl Fp Lazio): “Un esempio da seguire, riconoscimento meritato da tutti i lavoratori della sanità”

Roma – “Esprimiamo apprezzamento per la decisione dell’Inmi Spallanzani che, unica fra tutte le aziende sanitarie del Lazio, ha esteso il bonus Covid all’intero personale in servizio, dipendenti e collaboratori. La gestione dell’epidemia è stata una prova collettiva di tutti – infermieri, tecnici, oss, terapisti, ostetriche, professionisti e amministrativi – ed è sacrosanto che tutti debbano veder premiato l’impegno davvero straordinario dimostrato durante l’emergenza”. Così Roberto Chierchia, segretario generale della Cisl Fp Lazio dopo che l’istituto nazionale per le malattie infettive ha comunicato l’allargamento del compenso aggiuntivo a tutte le categorie professionali, senza alcuna eccezione.

“Quello dello Spallanzani è un esempio da seguire, una vera dimostrazione di attenzione nei confronti di lavoratori che hanno permesso all’azienda di diventare un polo di eccellenza sanitaria e un punto di riferimento per tutta la regione e tutto il Paese nel contrasto al coronavirus”, rimarca il segretario regionale di categoria. “Qui si andrà oltre l’accordo regionale dell’11 aprile scorso, visto che nel mese in corso, l’Inmi si è impegnato a corrispondere anche in favore del personale escluso dall’accordo regionale il beneficio dei 600 euro previsti dalla fascia B dell’intesa regionale, in relazione all’attività prestata”.

“E’ un modello di valorizzazione delle persone e delle professionalità che tutti dovrebbero adottare, tanto più che quello per il bonus si aggiunge all’impegno di dare immediatamente seguito all’accordo sulle progressioni orizzontali 2019 per il personale che ne ha diritto”, prosegue Chierchia. “La realtà del Lazio è fatta invece di troppe direzioni aziendali che si sono rifiutate di aprire qualsiasi confronto con i rappresentanti dei lavoratori. Basti pensare che le aziende ospedaliere e sanitarie mediamente hanno riconosciuto il premio a non più del 20% del personale, attenendosi rigidamente, e in modo spesso miope, all’utilizzo delle sole risorse stanziate dalla Regione. Questo perchè in tutte le aziende si è interrotto il confronto sindacale che ha impedito alle organizzazioni sindacali di verificare che l’accordo regionale fosse applicato correttamente”.

“Se vogliamo un sistema sanitario d’eccellenza è necessario tenere corrette relazioni sindacali con i rappresentanti del lavoratori, nel rispetto delle norme e dei contratti, e avere il coraggio di investire nelle competenze e di premiare l’impegno e la dedizione del personale che ogni giorno è in prima linea per garantire la salute delle persone”, conclude il segretario Cisl Fp. “Noi ci batteremo perché lo Spallanzani diventi apripista di un modo virtuoso di gestire, organizzare e dare valore alle donne e agli uomini del Ssr”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com