domenica, Gennaio 16, 2022
Home > Abruzzo > Risorse per Alba Adriatica, il PD: “Che fine hanno fatto i fondi promessi?”

Risorse per Alba Adriatica, il PD: “Che fine hanno fatto i fondi promessi?”

ricostruzione

ALBA ADRIATICA – Riceviamo e pubblichiamo: “Il Partito Democratico di Alba Adriatica, di fronte alla latitanza della Regione sul problema erosione nel territorio della costa teramana, con particolare riferimento a quella di Alba Adriatica, ha chiesto alla Regione chiarimenti sui fondi promessi in campagna elettorale e sugli impegni assunti dalla Giunta Marsilio sulla esecuzione dei lavori di ripascimento della spiaggia di Alba per un importo ventilato di 560.000 € relativamente all’anno 2020.

Il sottosegretario D’Annuntiis deve spiegare ai cittadini di Alba, ai suoi operatori turistici, agli elettori, che fine hanno fatto i fondi promessi già dall’ottobre 2019 e come mai le opere di ripascimento non sono state eseguite. Deve spiegare se i fondi finalizzati alla sistemazione dell’arenile di Alba eroso dalle correnti marine, siano finiti, anche indirettamente, in quei 5 milioni destinati al “Napoli Calcio” concessi dalla Regione per allenarsi nell’Alto Sangro.

D’Annuntiis deve confermare se si era impegnato, oppure no, a garantire il ripascimento entro e non oltre maggio 2020 e nel caso non avesse memoria delle promesse, riascolti una sua intervista rilasciata tempo addietro (http://www.veratv.it/index.php/2020/02/22/alba-adriatica-erosione-costiera-a-maggio-i-lavori-di-ripascimento).

E dica pure che fine ha fatto il contributo agli operatori del settore di 1 milione di euro per i danni delle mareggiate, che doveva diventare operativo entro il 21 giugno e di cui non si vede traccia: anche questi nelle casse del “Napoli Calcio” ?

“Il momento che Alba Adriatica sta vivendo è serio e grave”

Noi parliamo di questi fondi, non di quelli stanziati per gli anni futuri, non di quelli del 2021, perché se non si rispettano gli impegni presi per l’anno in corso, cosa bisogna aspettarsi per quelli futuri?

A questo deve rispondere D’Annuntiis, perché il momento è serio e grave e perché queste domande vengono non solo da un modesto segretario locale del PD, ma da un’intera popolazione, da operatori da categorie ed operatori del settore che vivono le difficoltà del momento anche per questa situazione, che sono gli unici da cui sono “telecomandato”, per avere sostegno e risposte che non vengono date da lei, sottosegretario, nonostante gli impegni presi, su fondi necessari, non con “bitcoin” (che avrebbero anche un valore), ma tantomeno con le banconote del Monopoli”.

Paolo Tribuiani

Segretario PD Alba Adriatica

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net