martedì, Ottobre 26, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Paesi che vai…” del 19 luglio alle 9.40 su RAI 1: a Subiaco sulle tracce di San Benedetto

Anticipazioni per “Paesi che vai…” del 19 luglio alle 9.40 su RAI 1: a Subiaco sulle tracce di San Benedetto

Paesi che vai Subiaco

Anticipazioni per “Paesi che vai…” del 19 luglio alle 9.40 su RAI 1: viaggio a Subiaco sulle tracce di San Benedetto e di Lucrezia Borgia

File:Subiaco - Il Sacro Speco di San Benedetto.jpg - Wikipedia

Domenica 19 luglio, alle 9.40 su Rai1, “Paesi che vai” arriva a Subiaco, per seguire le tracce di uno dei più grandi e amati santi italiani, San Benedetto, che in questa cittadina del Lazio a poche decine di chilometri da Roma ha seguito la sua vocazione. Prima come eremita poi come predicatore, fondando uno degli ordini più antichi del mondo, quello benedettino, e redigendo la prima regola del monachesimo occidentale: “Ora et labora et lege”. Livio Leonardi visiterà i luoghi in cui Benedetto è cresciuto e ha passato i primi anni come eremita, le grotte che oggi sono diventate un santuario molto amato dai fedeli di tutto il mondo, il Sacro Speco. Alla comunità monastica Umberto Eco si è ispirato per creare “Il nome della rosa”. Le telecamere entreranno anche nei primi monasteri Benedettini: da Santa Scolastica, ancora a Subiaco, intitolato alla sorella del Santo, all’abbazia di Casamari, svariati chilometri più a sud, divenuta circa un secolo dopo abbazia cistercense. Il viaggio sulle tracce di San Benedetto terminerà a Montecassino, il grande monastero fondato dal santo nella parte finale della sua vita, ed oggi il vero centro del suo culto.

Ma questo viaggio poetico nel cuore del Lazio condurrà anche alla Rocca Abaziale di Subiaco, il luogo in cui è nata e ha trascorso la giovinezza una donna misteriosa e affascinante di cui la storia del medioevo italiano narra moltissimo: Lucrezia Borgia. E le sorprese non sono finite, perché questa terra regala anche sapori indimenticabili: come quello dei formaggi prodotti da una azienda a conduzione familiare, che li produce secondo una tecnica di lavorazione che risale addirittura ai Sanniti. Infine, si andrà a scoprire il rigoglioso scenario naturale dei Parchi Simbruini, un vero paradiso per gli amanti dell’aria aperta, che si stende a poca distanza da Subiaco, sul corso del fiume Aniene.