giovedì, Dicembre 2, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Passato e Presente” del 4 settembre alle 13.15 su RAI 3: la fine del Grande Torino

Anticipazioni per “Passato e Presente” del 4 settembre alle 13.15 su RAI 3: la fine del Grande Torino

Il Grande Torino

Anticipazioni per “Passato e Presente” del 4 settembre alle 13.15 su RAI 3: la fine del Grande Torino

(none)

La tragedia di Superga a “Passato e Presente

Il 4 maggio 1949, alle 17.04, l’aereo con a bordo l’intera squadra del Grande Torino si schianta sulla Basilica di Superga. Scompare l’intera squadra. La tragedia, che colpisce al cuore non solo la città di Torino, ma l’intera nazione, è ripercorsa dal professor Paolo Colombo e da Paolo Mieli a “Passato e Presente”, programma di Rai Cultura in onda venerdì 4 settembre alle 13.15 su Rai 3 e alle 20.30 su Rai Storia. Il Grande Torino è una squadra fortissima, che ha dominato tutti i campionati (dal 1945 al 1949) in un periodo difficile per il Paese: quello della ricostruzione post Seconda Guerra Mondiale. Mazzola, Gabetto, Loik, Bagicalupo sono alcuni dei giocatori che oltre a vestire la maglia del Toro, difendono anche i colori azzurri. Sono eroi per i bambini, sono idoli per la gente che, in quegli anni, si affida anche al calcio (e al nascente totocalcio) per ricominciare a sognare una vita migliore dopo gli anni bui della guerra e della dittatura. 

«Gli eroi sono sempre immortali agli occhi di chi in essi crede. E così i ragazzi crederanno che il Torino non è morto: è soltanto “in trasferta”.[1]»
(Indro Montanelli, dal Corriere della Sera del 7 maggio 1949)

Gli invincibili del Grande Torino pluricampione d’Italia

Con il nome di Grande Torino si indica la squadra di calcio italiana della società sportiva Torino Football Club, all’epoca chiamata Associazione Calcio Torino, nel periodo storico compreso negli anni quaranta del XX secolopluricampione d’Italia i cui giocatori erano la colonna portante della Nazionale italiana, nonché una delle formazioni più forti della storia del calcio, e che ebbe tragico epilogo il 4 maggio 1949, in quella sciagura aerea nota come Tragedia di Superga nella quale l’intera squadra perse la vita.[2]

Con questo nome, benché si identifichi comunemente la squadra che perì nella sciagura, si usa definire l’intero ciclo sportivo, durato otto anni, che ha portato alla conquista di cinque scudetti consecutivi e di una Coppa Italia.[3]