lunedì, Aprile 19, 2021
Home > Italia > Non solo Bibbiano. Nei guai assistente sociale del comune di Milano

Non solo Bibbiano. Nei guai assistente sociale del comune di Milano

non solo bibbiano

Non solo Bibbiano. Nei guai assistente sociale del comune di Milano

Non solo Bibbiano. Anche a Milano sarebbero state prodotte false relazioni da parte di alcuno assistenti sociali che avrebbero provocato l’ingiustificato allontanamento di minori dalle proprie famiglie. In particolare, nel mirino della magistratura sarebbe finito l’operato di una assistente sociale, S.D.L., indagata per aver scritto e consegnato relazioni false che avrebbero provocato l’allontanamento dalla propria famiglia di una minore.

Le informazioni provengono dallo studio dell’avvocato Claudio Cenacchi di Bologna.

I minori sarebbero quindi stati sottratti ai propri genitori, senza alcun motivo certo. Dall’altra parte le famiglie si sono trovate accusate di reati mai commessi.

Anche l’ordine degli assistenti sociali della Lombardia ha compiuto accurate verifiche sui fatti e sui relativi autori, aprendo il 18 giugno 2020 un procedimento disciplinare immediatamente esecutivo  a carico dell’ assistente S.D.L. del comune di Milano.

L’apertura del  procedimento è stato avviato dal Consiglio Territoriale di Disciplina dell’Ordine degli Assistenti Sociali della Lombardia, preso atto anche delle memorie addotte a difesa dall’assistente sociale che non riportavano sufficenti ed esaustivi per una completa valutazione all archiviazione.

Si evince che “i fatti esposti sono di rilievo disciplinare alla violazione dell vigente codice deontologico  in particolare per gli art. 26 e 30 titolo iv capo I”. Erano presenti le dottoresse Sonia Longo (Presidente del Collegio), Chiara Scotti (Segretario) e  Francesca Megni (Componente). Altresì presente il genitore che ha  denunciato la sussistenza di relazioni false. Assente  l’assistente sociale indagata.

LM

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *