mercoledì, Novembre 25, 2020
Home > Italia > Salvini a Catania per il caso Gregoretti: è il giorno del giudizio

Salvini a Catania per il caso Gregoretti: è il giorno del giudizio

salvini

Salvini a Catania per il caso Gregoretti: è il giorno del giudizio

“Non mi era mai capitato nella vita, ma c’è sempre una prima volta. Andrò in Tribunale con l’animo tranquillo e la coscienza a posto, per aver salvato vite e difeso il mio Paese, forte anche del sostegno che mi arriva da voi e, devo dire con sorpresa, anche da molte persone che non la pensano come me ma mi hanno comunque inviato la loro vicinanza e il loro sostegno. Ho piena fiducia nei giudici, nell’Italia e negli Italiani.Senza paura, come sempre col sorriso e a testa alta”.

Così Matteo Salvini, ieri sul proprio profilo Facebook. Pochi minuti fa ha aggiunto: “Negli occhi le immagini di ieri sera, grazie a tutti coloro che sono venuti a Catania anche da molto lontano per dimostrarmi la loro vicinanza. E grazie a tutti coloro che me l’hanno dimostrata anche da casa.È per me motivo di orgoglio, onore, forza. Avanti a testa alta, con fiducia, certo di aver sempre agito per la difesa della Patria e la sicurezza degli italiani”.

Oggi per il leader della Lega Matteo Salvini è il giorno del giudizio. Si terrà infatti, questa mattina, l’udienza preliminare sul caso Gregoretti. Salvini rischia fino a un massimo di 15 anni per sequestro di persona nei confronti dei 131 migranti che rimasero 4 giorni sulla nave militare italiana Gregoretti, prima di poter sbarcare.

Nel frattempo, sempre per stamattina, in Piazza Montecitorio, il Circolo culturale “Nuove Frontiere onlus” ha indetto una manifestazione dal titolo “Sostenere Salvini per difendere la Costituzione“.

“Saremo lì – si legge nella nota ufficiale – per ribadire vicinanza e solidarietà al segretario della Lega, Sen. Matteo Salvini, che sarà in tribunale a Catania in veste d’imputato e con il rischio di una condanna fino a 15 anni di reclusione, ma, lo scopo principale di questa riunione è il voler ribadire, come valore fondamentale per ogni italiano, la difesa degli artt. 1 e 52 della Costituzione. La palese violazione dei quali ci fa giungere direttamente alla brutta vicenda del processo in corso al sen. Matteo Salvini”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *