domenica, Novembre 29, 2020
Home > Marche > San Benedetto, gli anziani del “Primavera” svolgono “AllenaMenti”

San Benedetto, gli anziani del “Primavera” svolgono “AllenaMenti”

san benedetto

San Benedetto, gli anziani del “Primavera” svolgono “AllenaMenti”

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nel Centro Sociale “Primavera” è in corso l’attuazione di un progetto sperimentale dal titolo “AllenaMenti” che si prefigge di favorire un invecchiamento sano con l’arricchimento della qualità di vita dell’anziano tramite relazioni autentiche e stimolanti che favoriscono l’espressione di sé ed evitano l’isolamento sociale.

Il progetto, promosso dal Comune di San Benedetto del Tronto in collaborazione  con la  Cooperativa “Picena” che gestisce la struttura e la cooperativa “Nomeni” che gestisce nel territorio centri diurni per  pazienti non autosufficienti affetti da demenza di lieve e media intensità, parte dall’assunto che  l’invecchiamento diventa un percorso di vita lungo il quale l’anziano continua a sentirsi parte attiva e cuore pulsante di nuove relazioni sociali.

Sono previsti fino a dicembre due incontri settimanali di due ore ciascuno con gruppi strutturati in base alle capacità funzionali e cognitive degli anziani ospiti durante i quali si svolgeranno attività ed esercizi mirati a stimolare la riattivazione di specifiche funzioni (memoria, linguaggio, attenzione), l’orientamento nel tempo (giorno, mese, anno, festività…), nello spazio (percorsi, stanze della struttura di residenza). L’obbiettivo generale è quello di lavorare, basandosi sul modello della  “Stimolazione cognitiva”, sulla persona affetta da deterioramento cognitivo (tramite attività di stimolazione) per rallentare il decorso della malattia e migliorare la qualità di vita.

“L’intervento non ha lo scopo di arrestare la malattia – spiega l’assessore alle Politiche Sociali Emanuela Carboni – ma si prefigge di sollecitare le potenzialità residue della persona per rallentarne il decadimento e ottenere una positiva ripercussione sul benessere quotidiano. L’obiettivo dunque non è guarire ma raggiungere il miglior livello funzionale possibile”.

Il progetto potrà essere in futuro esteso anche ad analoghe strutture del territorio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *