martedì, Marzo 2, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Più o Meno” del 6 novembre alle 23.40 su RAI 3: i limiti delle libertà individuali nelle emergenze

Anticipazioni per “Più o Meno” del 6 novembre alle 23.40 su RAI 3: i limiti delle libertà individuali nelle emergenze

più o meno

Anticipazioni per “Più o Meno” del 6 novembre alle 23.40 su RAI 3: i limiti delle libertà individuali nelle emergenze

(none)

Su Rai2  “Più o Meno” con Sabrina Giannini 

Giovedì 5 novembre alle 23.40, parte “ Più o Meno”, il nuovo programma di riflessione e approfondimento giornalistico di Rai2, condotto da Sabrina Giannini. Quattro serate dedicate a quattro grandi temi  che segnano la nostra epoca e che determineranno il nostro futuro. In ogni puntata il tema verrà approfondito seguendo una lettura narrativa binaria di “Più o meno”, ovvero, in maniera dialettica, problematica o polemica, L’obiettivo è quello di affrontare i temi d’attualità con un taglio volutamente “inattuale” e controcorrente, con ospiti in studio, interviste, storie e reportage in un percorso di racconto-riflessione su temi divisivi, cercando di chiarire le idee e offrire soluzioni. Nella prima puntata si parlerà dei limiti delle libertà individuali nelle emergenze: fino a che punto possiamo sacrificare la nostra libertà per la sicurezza di tutti? Chi può decidere le limitazioni di diritti fondamentali e in nome di che cosa? È giusto “blindare” le persone anziane? Il diritto alla salute deve per forza prevalere su ogni altro diritto? Sono queste alcune delle domande alle quali “Più o meno” tenterà di dare possibili risposte. Tra gli ospiti, Marcello Pera, Luciano Violante, Serena Sileoni dell’Istituto Bruno Leoni, il costituzionalista Alfonso Celotto e l’infettivologo Massimo Andreoni. Interviste, collegamenti, reportage e storie in studio accompagneranno il dibattito, sullo sfondo del risultato delle elezioni USA e del ritorno al coprifuoco e al lockdown in alcune regioni italiane. A contrasto, il modello Cina e il modello Svezia sul Covid, e lo scontro Trump-Biden sull’icona della mascherina. 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *