giovedì, Novembre 26, 2020
Home > Abruzzo > Tollo: conosciamo l’associazione “Tripla Difesa Onlus”

Tollo: conosciamo l’associazione “Tripla Difesa Onlus”

tollo

Tollo: conosciamo l’associazione “Tripla Difesa Onlus”

TOLLO (CHIETI) – Abbiamo intervistato Edda Giuberti, toscana presidentessa della “Tripla Difesa Onlus”, una associazione di volontariato con sede legale a Tollo in Provincia di Chieti che svolge diverse attività sia in ambito nazionale che internazionale.

Ci parli brevemente delle attività di “Tripla Difesa Onlus”…

“Tripla Difesa Onlus Global Internazional No Violence ODV è un organizzazione internazionale di volontariato. La nostra organizzazione è globale, cioè ha vari rappresentanti in tutto il mondo.
Le attività che portiamo avanti da nove anni sono molteplici. Ci occupiamo di diritti umani e della tutela delle vittime di tali violazioni. Insegniamo cosa sono i diritti umani e le convenzioni internazionali, la loro importanza, perché sembrano forse cose ovvie e scontate ma, purtroppo, ancora non lo sono. A tal proposito, svolgiamo dei corsi specifici.
Anche in Italia vengono spesso violati i Diritti Umani che non sono solo dei quadri o delle belle parole, ma sono stati recepiti dal nostro ordinamento giuridico e, pertanto, vanno rispettati.
Tuteliamo le vittime di qualsiasi natura, come i falsi accusati, promuoviamo denunce e indagini internazionali presso la Corte Internazionale di Giustizia”.

Che cosa vuol dire che siete una associazione riconosciuta anche in ambito internazionale? Quali prerogative avete?

“A questa domanda rispondo molto volentieri perché trovo che ci sia una grande confusione, tanto che io stessa ho dovuto documentarmi bene, anche tramite le Nazioni Unite.
Noi siamo un organizzazione privata di diritto internazionale, ma con finalità pubbliche, siamo coperti da immunità, seppur ridotta, nel senso che abbiamo immunità per ciò che facciamo in ambito dell’organizzazione. Non abbiamo passaporti diplomatici, ma siamo coperti dalle varie convenzioni di diritto internazionale, godendo dello status di Organizzazione di Carattere Internazionale.
Tra le tutele giuridiche che abbiamo c’é l’inviolabilità del domicilio. Esempio, se noi dobbiamo denunciare un magistrato o una carica dello Stato, questi sicuramente ci metterebbero i bastoni tra le ruote e potremmo essere sottoposti a molte ripercussioni e non saremo liberi di portare avanti la nostra azione giudiziaria, per questo esistono delle tutele giuridiche.
Non siamo invece coperti da immunità se commettiamo reato personale come furto o altro. Siamo, invece, per esempio coperti se vi è qualcuno che ha difficoltà a svolgere le attività primarie per vivere e gli portiamo dei generi alimentari per sfamarlo.
Sicuramente svolgiamo delle attività scomode, perché facciamo partire indagini sia a livello internazionale che nazionale, denunciando criminalità organizzata o reati commessi dalle istituzioni”.

Come intendete muovervi sia a livello nazionale che internazionale?

“Stiamo portando avanti molte attività inerenti all’ agenda 2030 SDGs delle Nazioni Unite, collaboriamo nelle attività dei lavori del G20 e del C20 e promuoviamo insieme alle altre organizzazioni internazionali richieste di cancellazione del debito pubblico.
Noi, come Tripla Difesa Onlus, abbiamo recentemente inoltrato un progetto per il Reddito Unico Universale che si sta già portando avanti in via sperimentale in Germania e Francia.
Mi preme specificare che il Segretario Generale dell’ONU Antonio Guterres ha dichiarato che la società civile è poco ascoltata e spesso anche boicottata e infatti sta portando avanti una linea politica tesa ad allargare la protezione per noi rappresentanti, perché ritiene che siamo poco protetti dagli Stati”.

Fonti delle foto: Bangladesh delegazione Amb. Suman Barua e Amb. Luca Sampaolo Italia, Tripla Difesa Onlus

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *