lunedì, Dicembre 6, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Philip Mackie del 27 novembre alle 15.45 su RAI 5: “Tutta la verità”

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Philip Mackie del 27 novembre alle 15.45 su RAI 5: “Tutta la verità”

tutta la verità

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Philip Mackie del 27 novembre alle 15.45 su RAI 5: “Tutta la verità”

File:The Whole Truth FilmPoster.jpeg

Per il Grande Teatro in TV di Philip Mackie in onda oggi venerdì 27 novembre alle 15.45 su Rai 5 l’opera teatrale del 1955 “Tutta la verità” – da cui nel 1948 venne tratto il film thriller “The Whole Truth” del regista John Guillermin – nella versione andata in onda nel novembre 1969 sulla Rai con la regia di Claudio Fino e la interpretazione di Maria Grazia Marescalchi, Marina Como, Andrea Lala, Dino Peretti, Franco Graziosi, Luciano Alberici e Silvia Monelli.

The Whole Truth è un thriller britannico del 1958 diretto da John Guillermin e interpretato da Stewart Granger , George Sanders , Donna Reed , Gianna Maria Canale e Peter Dyneley . Era basato sull’opera teatrale del 1955 con lo stesso titolo di Philip Mackie . È stato realizzato ai Walton Studios con alcune brevi riprese in esterni in Francia. I set del film sono stati progettati dall’art director Anthony Masters .

Trama

Mentre girava un film in Costa Azzurra , il produttore Max Poulton ha avuto una relazione con la sua star, Gina Bertini. Un uomo sposato, Max non vuole perdere la moglie Carol, ma l’irascibile Gina minaccia di dirlo a tutto. Max torna a casa con una macchia di sangue sul polsino della camicia. Segue una visita di un ispettore Carliss di Scotland Yard, che dice che il corpo di Gina è stato appena trovato, pugnalato a morte. Correndo verso la casa dove lui e Gina si incontravano segretamente, Max raccoglie i beni che ha lasciato. Un vicino vede la sua macchina. Al ritorno a casa, a una festa che Carol sta organizzando, Max è sbalordito di trovare Gina viva e vegeta tra gli ospiti. Confuso, la accompagna a casa, la lascia brevemente in macchina, poi torna a trovare il suo corpo senza vita, ancora una volta pugnalato. Max pensa che stia perdendo la testa. Questa volta arriva un funzionario della polizia locale, l’ispettore Simon. L’unica conclusione che Max può trarre è che Carliss sta in qualche modo cercando di incastrarlo. I suoi sospetti sono corretti. Carliss non è affatto un ispettore di Scotland Yard, ma l’ex marito geloso di Gina. Ha organizzato le cose per far sembrare Max colpevole, e Simon, avendo la descrizione del testimone oculare del vicino di aver visto l’auto di Max, non ha altra scelta che mettere Max agli arresti. Quando sembra che Carliss abbia intenzione di fare del male anche a Carol, Max scappa di prigione. Manipola Carliss facendogli rubare la sua auto e quando la polizia insegue l’uomo sbagliato, Carliss, in preda al panico, precipita da un dirupo verso la sua morte. L’innocenza di Max diventa evidente alla polizia.