mercoledì, Ottobre 20, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il balletto “Carmen” del 18 dicembre alle 10 su Rai 5: dal Teatro dell’Opera di Roma

Anticipazioni per il balletto “Carmen” del 18 dicembre alle 10 su Rai 5: dal Teatro dell’Opera di Roma

carmen balletto

Anticipazioni per il balletto “Carmen” del 18 dicembre alle 10 su Rai 5: passione, gelosia e morte secondo Bubenícek dal Teatro dell’Opera di Roma

Campagna abbonamenti Stagione 2019/2020 | Teatro dell'Opera di Roma

«Una femme fatale indomabile, con una libertà di spirito a cui tutte le donne dovrebbero tendere». Così il danzatore e coreografo ceco di fama internazionale Jiří Bubeníček descrive il suo balletto in due atti Carmen, che Rai Cultura propone venerdì 10 dicembre alle 21.15 su Rai5.

Il nuovo allestimento è andato in scena in prima assoluta nel febbraio 2019 al Teatro dell’Opera di Roma a 70 anni dalla Carmen di Roland Petit. Vincitrice del Premio miglior produzione coreografica dell’anno per EuropainDanza 2019, la nuova creazione di Bubeníček torna alle radici letterarie dell’eroina portata al successo dall’opéra-comique di Georges Bizet rileggendo l’omonima novella (1845) di Prosper Mérimée. Il lavoro, proposto dal Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma diretto da Eleonora Abbagnato con le scene di Gianni Carluccio, i costumi di Anna Biagiotti e la direzione musicale di Louis Lohraseb, coniuga lo stile classico a quello contemporaneo mettendo al centro la storia di passione, gelosia e morte con cui negli anni si sono misurati i più grandi coreografi al mondo. Interpreti principali l’étoile Rebecca Bianchi nel ruolo del titolo, l’artista ospite Amar Ramasar – già principal dancer del New York City Ballet – in quello di Don José e il primo ballerino Alessio Rezza come Lucas. 
Nella versione di Bubeníček, spariscono personaggi cari al pubblico come Escamillo e Micaëla – introdotti da Bizet, ma inesistenti in Mérimée – mentre riaffiora la figura dimenticata di Garcia, marito di Carmen. Ma non mancano novità anche sul piano musicale: il balletto accoglie, oltre alla celebre partitura di Bizet (1875), brani di Manuel de Falla, Isaac Albéniz, Mario Castelnuovo-Tedesco e Gabriele Bonolis, che ne ha curato tutte le orchestrazioni. Regia televisiva di Claudia De Toma. 

Carmen è un balletto creato da Roland Petit e dalla sua compagnia “Les Ballets de Paris” al Prince’s Theatre di Londra il 21 febbraio 1949, che è entrato nel repertorio delle compagnie di balletto in Francia e nel mondo. [1] Questa versione è in cinque scene e rappresenta una sorprendente mescolanza di balletto classico , movimento in stile spagnolo, mimo e azione di danza drammatica appena inventata. [2] Si è aperto “in modo scandaloso e brillante, con la favolosamente sexy Zizi Jeanmaire nel ruolo del titolo” a Londra e da allora è stato regolarmente rappresentato. [3]

I disegni e i costumi originali erano di Antoni Clavé . La musica è preso dal 1875 opera con lo stesso nome da Georges Bizet , arrangiato e orchestrato da Tommy Desserre. Lo scenario si basa sul 1845 novella da Prosper Mérimée . I ruoli principali sono stati creati per la futura moglie di Petit Zizi Jeanmaire (Carmen), Roland Petit (Don José) e Serge Perrault (Le Toréador). Oltre 5.000 rappresentazioni dell’opera sono state date in tutto il mondo durante i suoi primi 50 anni, [1] ed è considerata la più frequentemente eseguita tra i balletti basati sull’opera di Bizet. [3]

Sinossi

La prima scena è ambientata in una strada di Siviglia, dove la danza di una folla è interrotta da una ragazza inseguita da Carmen. La loro lotta viene interrotta solo dall’arrivo di Don José, che assiste l’avversario sconfitto di Carmen. Mentre sta per arrestare Carmen, viene colpito dal suo fascino e organizza un incarico per dopo. Quella sera nella taverna entra Don José e balla uno zapateado sulla musica dell’habanera. Poi appare Carmen e balla, finendo ai piedi di Don José; lui la solleva e salgono in camera da letto. I clienti ballano e quando Carmen e Don José tornano si uniscono a loro prima che José avvolga Carmen nel suo mantello e se ne vanno.

La terza scena è nella camera da letto di Carmen. Dopo un appassionato duetto, tre amici di Carmen entrano e la invitano ad uscire. Di notte, per strada, Carmen, Don José e gli amici si preparano a rapinare un passante. Usando un pugnale che Carmen gli ha dato, Don José accoltella un uomo e dopo che le donne hanno preso la sua borsa, fuggono tutte.

La scena finale è ambientata fuori dall’arena dove le ragazze aspettano l’arrivo del loro eroe, il torero. Entra e li saluta ma rimane affascinato dall’indifferenza mostrata da Carmen. José entra e nota i loro sguardi. Il torero si muove nell’arena, dopodiché Don José minaccia Carmen e in una lotta all’ultimo sangue la vince. Mentre muore, i cappelli vengono lanciati dall’arena per atterrare ai suoi piedi. [6]