lunedì, Gennaio 25, 2021
Home > Anticipazioni TV > Il film horror stasera in TV: “The Midnight Man” lunedì 11 gennaio 2021

Il film horror stasera in TV: “The Midnight Man” lunedì 11 gennaio 2021

the midnight man

Il film horror stasera in TV: “The Midnight Man” lunedì 11 gennaio 2021 alle 21.20 su Rai 4

(none)

The Midnight Man è un film horror del 2016 scritto e diretto da Travis Zariwny ed interpretato da Gabrielle HaughLin Shaye e Grayson Gabriel.

MidnightMan.jpg

1953. Nella soffitta di una vecchia casa tre bambini evocano per gioco un essere spettrale, l’Uomo di Mezzanotte, restando al riparo di un cerchio protettivo tracciato con il sale. La piccola Anna è l’unica a sopravvivere all’ordalia con il mostro, che ama barare al gioco.

Molto tempo dopo, nella stessa casa un’anziana Anna, bisognosa di cure perché affetta da un inizio di demenza senile e rimasta sola dopo la morte del marito, è accudita dalla giovane nipote Alex. La nonna è un po’ svanita, straparla, cambia umore, a volte è gentile e grata, altre brusca e impositiva. A un certo punto manda Alex a cercare un vecchio specchietto che si trova in un baule in soffitta. Mentre è lì, Alex è raggiunta dall’amico Miles, venuto a trovarla. La ragazza trova lo specchietto e una scatola chiusa. Ovviamente, la scatola viene aperta e dentro ci sono gli oggetti utilizzati dai ragazzini del prologo per il loro macabro gioco, foglio con le regole compreso. La nonna, spaventata, li vede e, prima di crollare svenuta, li accusa di aver aperto il gioco. Viene convocato il vecchio dottor Harding che visita la nonna e tranquillizza Alex: se la caverà. Nonostante tutto, quando il dottore se n’è andato, Alex e Miles non trovano di meglio che attivare il rituale del gioco, cui partecipa poi anche la loro amica Kelly, nel frattempo intervenuta. L’Uomo di Mezzanotte non vedeva l’ora.

Durante il gioco, vengono a galla — per via dell’Uomo di Mezzanotte — tutte le fobie dei giocatori: Alex ha paura del sangue e l’Uomo di Mezzanotte trasforma l’acqua del bagno in sangue ed immerge Alex all’interno; Miles ha paura del dolore e l’Uomo di Mezzanotte simula di rompergli l’osso del collo; Kelly ha paura del senso di colpa — da bambina aveva tagliato la gola ad un coniglio innocente. L’Uomo di Mezzanotte si finge il coniglio e la aiuta a sgozzarsi: il gioco per lei è finito. Alex e Miles contattano il dottor Harding, che gli rivela la vera natura e le origini del rituale: non è un gioco innocuo (contrariamente a come pensavano), ma un rituale pagano usato per punire chiunque avesse osato disubbidire agli dèi e che all’Uomo di Mezzanotte non piace perdere: farà di tutto pur di vincere, e in modo o nell’altro tutti i giocatori moriranno, a qualunque età. L’Uomo di Mezzanotte causa diverse allucinazioni ad Alex e Miles, dopo che scoprono il cadavere di Kelly. Alex si ricorda di quando sua madre, dopo aver giocato al Gioco di Mezzanotte, si suicidò impiccandosi, sotto i suoi occhi. Successivamente si scopre che la nonna Anna voleva che i due aprissero il gioco perché potessero provare le stesse cose che provò lei e cosa si prova a veder morire delle persone davanti a sé. Quando il dottor Harding prova a ragionare con Anna, questa lo assale e lo massacra a pugni, mentre Alex è costretta a sparare a sua nonna.

Nel frattempo l’orologio segna le 3:33 del mattino, orario in cui l’Uomo di Mezzanotte se ne sarebbe andato. Conscio di aver perso e arrabbiato, l’Uomo di Mezzanotte cambia manualmente la posizione delle lancette, riportandole alle 3 e 30. Miles, che era uscito dal cerchio di sale, si accorge che in realtà mancano ancora tre minuti alla fine del gioco e non fa in tempo a ritornare nel cerchio di sale disegnato insieme ad Alex che il demone lo uccide trafiggendolo alla faccia, e poi si rivolge ad Alex dicendo che il gioco per lei è finito.

Nella scena finale gli oggetti appartenuti alla nonna vengono disposti nell’ingresso in una sorta di mercatino. L’assistente del dottor Harding è lì insieme al figlio che trova la scatola del gioco e la porta a casa: gli eventi sono destinati a ripetersi.

Regia di Travis Zariwny

Con: Gabrielle HaughLin Shaye e Grayson Gabriel

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *