mercoledì, Marzo 3, 2021
Home > Lazio > Lanuvio, strage a Villa dei Diamanti: 5 morti e 7 intossicati gravi

Lanuvio, strage a Villa dei Diamanti: 5 morti e 7 intossicati gravi

Marina di Pietrasanta

Lanuvio, strage a Villa dei Diamanti: 5 morti e 7 intossicati gravi

LANUVIO- Erano le prime ore di questa mattina, quando un operatore addetto all’assistenza anziani, ha trovato i corpi senza vita di 5  ospiti della casa di riposo Villa dei Diamanti, insieme ad altre 7 persone, gravemente intossicate, probabilmente a causa del monossido di carbonio. 


Stando ad una prima ricostruzione del tragico accaduto, le vittime sarebbero decedute nei loro letti, forse per via delle esalazioni, provenienti dall’impianto di riscaldamento. 

Segnalata questa drammatica scoperta, sul posto sono subito intervenuti i Vigili del Fuoco, i sanitari del 118 e i Carabinieri della Stazione di Lanuvio e della Compagnia di Velletri. 


Le 7 persone intossicate, tra cui 2 operatori sanitari, sono stati trasportati con urgenza in ospedale, mentre per i cinque anziani, non c’è stato più nulla da fare. 


A tal proposito, l’assessore della Sanità, Alessio D’Amato, in una nota scrive:


“La struttura di Lanuvio, Villa Diamanti non è un Covid Center né una struttura di carattere sanitario, ma si tratta di una casa di riposo per anziani su cui erano in corso le indagini epidemiologiche da parte del Dipartimento di Prevenzione della Asl Roma 6 per un caso di positività riscontrato il 13 gennaio su un operatore socio-assistenziale della struttura. Operatori e ospiti erano stati tutti sottoposti a tampone il giorno seguente (14 gennaio) e ieri sera si è avuto riscontro di 3 operatori risultati positivi e 9 ospiti positivi.

Proprio la positività degli stessi ha reso complicate le operazioni di soccorso.Stamani, secondo quanto appreso dal direttore sanitario della Asl Roma 6, era prevista la presa in carico della Asl per i trasferimenti nei reparti Covid. Due operatori socio-assistenziali sono stati trasferiti, appena giunti sul posto i soccorsi, al Policlinico di Tor Vergata e cinque ospiti anziani al nuovo ospedale dei Castelli tutti con sintomi riconducibili a intossicazione da monossido di carbonio. Sono in corso i sopralluoghi da parte del competente Dipartimento di prevenzione della Asl Roma 6 e vi è un costante aggiornamento attraverso il direttore generale della Asl Roma 6, dott. Narciso Mostarda e il direttore sanitario della Asl Roma 6, dott. Roberto Corsi”.


Elisa Cinquepalmi 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *