sabato, Dicembre 4, 2021
Home > Marche > Norme anti-Covid: i controlli. A Porto San Giorgio sanzionato locale aperto al pubblico

Norme anti-Covid: i controlli. A Porto San Giorgio sanzionato locale aperto al pubblico

Porto San Giorgio

Norme anti-Covid: i controlli. A Porto San Giorgio sanzionato locale aperto al pubblico

Lido Tre Archi ma non solo. Sono proseguiti anche ieri specifici servizi di controllo sul litorale fermano che anche questa volta si sono concentrati nel quartiere costiero.

Operatori della Questura, del Reparto Prevenzione Crimine e l’unità cinofila della Guardia di Finanza hanno proceduto a svolgere accertamenti di sicurezza per la prevenzione dei reati e la verifica del rispetto delle disposizioni emanate per il contrasto all’epidemia.

Controlli a tutto campo sia sulle persone in transito che sui veicoli ma anche negli androni e negli spazi comuni dei condomini.

Solo nel quartiere sono state identificate più di 80 persone e verificate 50 autovetture, numeri che portano a più di 220 persone, 160 veicoli e 14 sanzioni al Codice della Strada i risultati dei controlli di ieri della Polizia di Stato fermana.

Nel pomeriggio, a Lido Tre Archi un giovane straniero, alla vista del personale della Polizia di Stato ha tentato di eludere il controllo, prima occultandosi dietro alcuni bidoni ma poi, mentre gli operatori gli si avvicinavano, ha raggiunto la spiaggia correndo. È stato comunque inseguito e “placcato”. Accompagnato in Questura poiché non in possesso di documenti attestanti la sua identità, è stato fotosegnalato ed identificato per un ventenne algerino clandestino, ordinariamente domiciliato in una provincia limitrofa, con a carico precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti e reati contro il patrimonio.

Al termine degli accertamenti, al giovane è stato notificato il decreto di espulsione del Prefetto e l’ordine del Questore di abbandonare il territorio nazionale.

Negli stessi momenti la Volante ha proceduto al controllo di una autovettura con a bordo una coppia di trentenni fermani.

Il fiuto del cane della Guardia di Finanza ha subito segnalato la possibile presenza, sulla donna, di sostanze stupefacenti e si è proceduto alla sua perquisizione personale che ha portato al rinvenimento, nella borsa, di una prima scatoletta metallica contenente circa 3 grammi di sostanza psicoattiva del tipo Ecstasy (MDMA) e 0,6 grammi di Eroina, detenute, come dichiarato, per uso personale mentre in altro piccolo contenitore è stata rinvenuta sostanza da taglio per droghe, come è risultato dall’analisi della Polizia Scientifica.

Le sostanze sono state sequestrate e la donna segnalata alla Prefettura.

Inoltre, l’uomo alla guida, per la quale non aveva al seguito la patente, ha evidenziato difficoltà motorie e di linguaggio riconducibili ad uno stato di ebbrezza alcolica. Personale della Polizia Stradale lo ha invitato a sottoporsi alla prova dell’alcoltest, ricevendo un netto rifiuto.

Accompagnati in Questura, il trentenne è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per il rifiuto di sottoporsi all’accertamento del tasso alcolemico, sanzionato ai sensi del Codice della Strada per la mancanza della patente di guida, gli veniva ritirata la carta di circolazione del veicolo condotto che è stato sottoposto a sequestro amministrativo ed affidato in giudiziale custodia ad una officina autorizzata.

Infine, entrambi sono stati sanzionati per la violazione delle norme anti COVID-19.

Nel corso dei controlli, che hanno interessato anche altri comuni del litorale fermano, è stata riscontrata a Porto San Giorgio l’apertura al pubblico di un esercizio di somministrazione di alimenti e bevande (bar) nei confronti del quale si provvederà ad elevare la prevista sanzione amministrativa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net