sabato, Marzo 6, 2021
Home > Anticipazioni TV > Il film horror stasera in TV: “La casa delle bambole – Ghostland” lunedì 1° febbraio 2021

Il film horror stasera in TV: “La casa delle bambole – Ghostland” lunedì 1° febbraio 2021

Ghostland film

Il film horror stasera in TV: “La casa delle bambole – Ghostland” lunedì 1° febbraio 2021 alle 21.20 su Rai 4

Ghostland - Wikipedia

La casa delle bambole – Ghostland (Incident In a Ghostland) è un film del 2018 scritto e diretto da Pascal Laugier con Crystal Reed, Emilia Jones e Taylor Hickson.[1]

Una donna di nome Pauline viaggia insieme alle figlie adolescenti, Beth e Vera, in direzione della casa della loro defunta zia Clarissa, avendola ereditata. Durante il tragitto Beth, che ha l’aspirazione di diventare una scrittrice, legge un articolo di giornale che riferisce di una serie di incursioni domestiche nella zona in cui i genitori vengono uccisi ma le figlie risparmiate. Si nota qualcuno alla guida di un camion di caramelle che le segue mentre si dirigono verso la nuova casa.

Poco dopo che le donne si sono sistemate, un uomo obeso irrompe e attacca Pauline. Dopo averla messa fuori combattimento trascina per i capelli Beth e Vera nello scantinato. Successivamente entra una strana donna e quando Beth chiede cosa vogliono, risponde “Vogliamo solo giocare con le bambole”. L’uomo grasso abusa sessualmente di Vera , mentre Pauline si riprende e combatte brutalmente con la donna in cucina. Nonostante venga ripetutamente colpita Pauline riesce ad aver la meglio sugli intrusi e dice a Beth di andare via da li.

Sedici anni dopo, Beth si sveglia improvvisamente da un incubo. Ora è una scrittrice di Chicago, sposata e con un figlio. Appare in un talk show per promuovere il suo nuovo romanzo “Incident in a Ghostland”, basato sulla sua esperienza di quella notte. Successivamente Beth riceve una telefonata da sua sorella, mai ripresasi dal trauma per le torture subite, che la implora di tornare a casa. Quando arriva, Pauline le conferma che Vera è incapace di andare avanti e continua a rivivere quella notte ancora e ancora. Durante la permanenza in casa, Beth ha esperienze strane tra cui ascoltare il rumore di un camion, leggere la scritta “Help” su uno specchio; inoltre Vera sostiene che i loro torturatori sono ancora lì.

Beth trova Vera incatenata al suo letto, truccata come una bambola. Beth viene chiusa fuori dalla stanza e dai rumori pare che qualcuno stia violentando la sorella. Quando Vera esce, si agita come se fosse attaccata da un fantasma. Pauline chiama un’ambulanza e dice a Beth di non ascoltare ciò che Vera dice. Vera scompare e Beth sente la voce della donna di quella notte che la minaccia; per un attimo rivede l’uomo grasso prima di addormentarsi. Quando si sveglia viene catturata dalla donna.

Quando Beth si riprende, scopre di avere lividi sul viso e sul corpo. Ritrova Vera, anche lei col volto tumefatto, che la implora di accettare la realtà. Era tutta una realtà immaginaria di Beth, creata dalla stessa dopo avere visto la madre uccisa dalla donna. Dunque le due ragazze sono ancora prigioniere dell’uomo grosso e della donna. Vera riferisce a Beth che i due stanno facendo una specie di gioco e che se dovessero portarla al piano di sopra, non dovrà muoversi o piangere, non importa cosa faccia l’uomo grasso. La donna del camioncino di dolci veste Beth come una bambola e la lascia in una stanza piena di bambole. Entra poi l’uomo grasso per molestare e torturare le bambole. Quando l’uomo grasso arriva a Beth, questa riesce a ferirlo e fuggire; libera sua sorella e finalmente riescono a fuggire dalla stanza. Vengono notate da una pattuglia, la quale chiama rinforzi. I due agenti della pattuglia soccorrono le ragazze ma vengono uccisi dalla donna che recupera Beth e Vera.

Beth torna così alla sua fantasia adulta e si immagina ad un cocktail party dove incontra e riceve i complimenti dal suo idolo H.P. Lovecraft. Dopo un incontro con sua madre, Beth rivede la sorella che chiede disperatamente aiuto. Più consapevole torna alla realtà per salvarla. Beth inizia una violenta lotta con la donna ma mentre interviene l’uomo grasso, questo viene ucciso da un agente, avvertito dalla precedente pattuglia. L’agente tiene sotto tiro la donna, che cerca di aggredirlo, ma viene uccisa anche lei. Cadendo, si nota che era un uomo pelato e rasato con una parrucca.

Beth si riunisce con sua sorella e dopo arrivano altre autorità e le ambulanze, Beth vede una visione di sua madre che la saluta dall’interno della casa e quando un infermiere le chiede cosa le piace fare risponde che le piace scrivere storie.

Regia di Pascal Laugier

Con: Crystal Reed, Emilia Jones e Taylor Hickson

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *